Euro rimane forte, BCE spegne i sogni dei falchi

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 20-07-2017 16:44

Di tapering non si doveva parlare e, di fatti, nel corso dell’ultimo meeting della Banca Centrale Europea la parola in questione non solo non ha fatto il suo timido capolino, ma ha trovato una netta presa di posizione da “colomba” in Mario Draghi, che nel comunicato dell’istituto banchiere facente seguito al Comitato direttivo che ha mantenuto i tassi di interesse a quota zero, ha precisato che il piano di acquisti di titoli di Stato continuerà “almeno” fino alla fine del 2017. In aggiunta, è stata conservata anche la propria forward guidance già nota, con indicazioni che escludono rialzi dei tassi, se non dopo la fine del quantitative easing.

Da quanto è stato possibile comprendere dalla lettura del comunicato e dalle dichiarazioni di Draghi, rimane ulteriormente in campo l’ipotesi di un potenziamento degli stimoli monetari, con uno scenario che è per il momento limitato al solo caso in cui il quadro dovesse peggiorare. Ma che valutazioni trarre da quanto accaduto?

In fin dei conti, la BCE ha voluto spegnere qualsiasi entusiasmo da “falco”, precisando che se le cose non dovessero andare per il verso giusto, si mantiene pur sempre nella favorevole posizione di incrementare gli acquisti dei bond, che ora avvengono con un ritmo (ridotto rispetto al passato) di 60 miliardi di euro al mese.

Ancora, nella sua conferenza stampa il presidente Draghi ha dichiarato come la ripresa economica in area euro si stia rafforzando, mentre i rischi di crescita sono ora bilanciati. Dichiarazioni ampiamente attese da parte degli analisti, che si sono poi concentrati sul riferimento all’inflazione, elemento che non mancherà di far passare qualche sonno turbolento ai macroeconomisti del vecchio Continente: sull’andamento dell’inflazione pesano infatti in maniera importante i prezzi bassi dell’energia.

Un dettaglio non certo irrilevante è poi stato legato al passaggio che il numero 1 della BCE ha voluto dedicare alla volontà di confermare gli attuali tassi zero e alla disponibilità di incrementare il quantitative easing se necessario: un passaggio che, come il resto del contenuto, nel comunicato è stato approvato all’unanimità dal Consiglio direttivo.

Infine, è stato poi precisato come il Consiglio direttivo della Bce non abbia ancora iniziato a discutere del tapering (cioè, il disimpegno progressivo dalla policy di stimolo monetario), concordando poi all’unanimità che non c’è una data precisa per discutere la questione, anche se Draghi ha compiuto una piccola apertura, sostenendo che il processo potrebbe essere discusso “nel corso dell’autunno”.

Vai alla home per saperne di più sul Forex Trading online

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Lascia un commento

Non ci sono ancora commenti

Puoi essere il primo a iniziare la conversazione

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.