Coppie di valute: come funzionano e cosa significano la valuta di sinistra e di destra

Pubblicato da Roberto Rais -

Quando fai trading di valuta, stai scambiando una valuta contro un’altra. Quindi, cosa significa questo? Essenzialmente, compri una valuta e vendi l’altra simultaneamente. 

Ebbene, per fare profitto nel trading devi capire come comprare o vendere coppie di valute in base alle condizioni di mercato che stai prevedendo. Usiamo la coppia di valute Euro e Dollaro USA come esempio. 

Se credi che l’euro si rafforzerà contro il dollaro USA, allora comprerai la coppia di valute EUR/USD, il che significa che stai comprando euro e vendendo dollari. Al contrario, se credi che il dollaro si rafforzerà contro l’euro, o in un altro modo che l’euro si indebolirà contro il dollaro, allora venderai la coppia di valute EUR/USD. In questo caso, significa che stai vendendo euro e comprando dollari. 

Le valute sono quotate l’una rispetto all’altra, e sono sempre quotate in coppia. Per esempio, l’euro e il dollaro USA sono una delle coppie di valute. Le coppie di valute sono ordinate, e l’ordine è sempre lo stesso. Per l’Euro e il Dollaro USA, apparirà così: EUR/USD.

La valuta sul lato sinistro è la valuta primaria, o di base. La valuta sul lato destro è la secondaria. L’ordine non cambia mai, questo è solo lo standard, ed è solo per scopi di trading e ordini. Quindi non vedrai mai USD/EUR in quotazione: non ha niente a che fare con il valore di una valuta contro un’altra o qualcosa del genere. L’ordine delle coppie ha il significato pratico che abbiamo descritto sopra. Quindi se vuoi comprare euro perché pensi che l’euro salirà rispetto al dollaro, allora compri EUR/USD.

Oppure considera la coppia GBP/AUD, che accoppia la sterlina britannica e il dollaro australiano. Se pensi che la sterlina britannica salirà rispetto al dollaro australiano, allora compri la coppia di valute. Ciò significa che stai comprando sterline britanniche e vendendo dollari australiani. D’altra parte, se credi che la sterlina britannica scenderà rispetto al dollaro australiano, allora venderai la coppia di valute, il che significa che stai vendendo sterline britanniche e comprando dollari australiani. 

Ricorda anche che molte di queste valute sono indicate con soprannomi di origine storica. È bene sapere quali sono questi soprannomi nel caso in cui tu venga coinvolto in conversazioni sul trading di valute, dato che i trader esperti possono usare questa terminologia. Non vorresti essere perso in una conversazione perché non sai quali sono i soprannomi. Potresti anche vedere occasionalmente i soprannomi usati in articoli e simili. 

Alcuni dei soprannomi sono ovvi. Il dollaro australiano è spesso indicato in forma abbreviata come Aussie. Il dollaro statunitense è conosciuto come greenback. Questo nome non sorprenderà nessuno. Il dollaro neozelandese a volte viene chiamato Kiwi. 

Esistono anche un paio di nomi più oscuri. La sterlina britannica, conosciuta a volte con il nome di pound sterling, viene anche chiamata da alcuni cable. L’origine del suo termine è moderatamente interessante. Nei giorni in cui le reti di comunicazione elettronica erano in fase di creazione, il nome cable è nato perché il commercio avveniva tramite cavi sottomarini tra gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, e così i banchieri americani hanno iniziato a riferirsi alla sterlina come cable. In qualche modo questo nome è rimasto attraverso più di 100 anni di utilizzo. 

Un altro nome interessante è quello del dollaro canadese, che a volte viene chiamato Loonie. Questo deriva dal nome della moneta da un dollaro che il paese aveva con un’anatra su un lato della moneta. 

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.forexguida.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.