I cross preferiti dai traders

Pubblicato da Luca M -
forex21Il Mercato valutario è il più grande ed il più attivo mercato a livello mondiale, raggiungendo un volume di scambi superiore a 3 trilioni di dollari al giorno. La maggior parte di questi scambi è concentrato nei maggiori centri finanziari come Londra, New York e Tokyo. I grandi investitori istituzionali quali le banche, le multinazionali, gli hedge funds e le banche centrali contribuiscono alla maggior fetta degli scambi in questo mercato.

Per competere ragionevolmente in questo mercato, i singoli investitori devono quindi ricercare ed assimilare costantemente il maggior numero di informazioni possibile.

Dal momento che gli scambi possono essere effettuati solamente tra coppie di valute, lo scambio consiste nella vendita di una valuta e nell’acquisto di un’altra, tuttavia è possibile separare virtualmente queste valute per stimare quali siano le valute più popolari e dunque capire quali sono i cross più interessanti per i traders.

Secondo uno studio del “BIS Triennial Survey” nel 2004 le valute maggiormente scambiate (con relativa quota di mercato) erano le seguenti:

USD (83.7%), EUR (60%), GBP (15,3%), JPY (13,4%), CHF (9,5%), SEK (2,2%), AUD (2,1%) e CAD (1,6%).

Il totale della fetta di mercato è 200% proprio per il fatto che ogni transazione coinvolge una coppia di valute.

Il Dollaro USA appare essere la preferita dai traders. Ma questo è dovuto anche al fatto che essa è la moneta di riserva mondiale e dunque i maggiori cross includono il dollaro.

Sebbene il trader medio tenda a tradare i cross principali ( EUR/USD , USD/JPY , GBP/USD e USD/CHF ) molti si interessano anche ai cosiddetti “Commodity Pairs”. I Commodity Pairs sono USD/CAD, USD/AUD e USD/NZD ovvero quei cross riguardanti nazioni che posseggono grandi quantità di risorse naturali che spesso costituiscono la maggior parte delle proprie esportazioni. Proprio per questa ragione l’economia di questi paesi è spesso in stretta relazione al prezzo di tali risorse e di conseguenza i prezzi delle proprie valute nazionali riflette tali andamenti.

Più raramente invece i traders si interessano alle valute di paesi emergenti. Ad ogni modo tali valute iniziano a giocare un ruolo sempre più importante, soprattutto nell’ottica globale, e spesso rappresentano sfide ed opportunità uniche che in pochi riescono a cogliere.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.forexguida.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.