Forex errori comuni: come evitarli

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 14-12-2016 7:51 Aggiornato il: 14-12-2016 7:57

Fare il trader è sicuramente una delle professioni più difficili e allo stesso tempo più soddisfacenti che esistono. Probabilmente la soddisfazione deriva proprio dall’enorme e faticoso lavoro che richiede tale impiego. Certo che lavorare da casa, per se stessi guadagnando ingenti somme di denaro è una cosa che fa gola a molti, ma quanto è difficile! Eppure si può fare, il mercato è lì, montagne di denaro passano ogni secondo da un posto all’altro, in fondo a noi, per stare bene, ce ne basterebbe una parte infinitesimale.

Errori nel trading Forex

Ognuno di noi quindi si dice: “se ci sono persone che lo fanno potrei farlo anch’io!” Allora ti metti lì a provare e riprovare vari sistemi e tecniche ma il risultato è sempre lo stesso: conto in rosso. I consigli dei “guru” o i segnali di trading che da fuori sembrano così semplici e immediati, quando li affronti ti accorgi che sono tutt’altro che oggettivi e alla fine anche qui l’unico risultato è la perdita di denaro. Ma come sai il trading è un gioco a somma zero, quindi per ogni perdente c’è sempre un vincente, ma chi è? E come fa?

forex-trading-errori-da-evitare

Devi innanzitutto comprendere che il trading non è stato concepito per il trader individuale, è un mercato essenzialmente riservato ai grandi investitori. Ma se tu riuscissi a intercettare i loro movimenti di denaro, allora le cose cambiano. Cavalcando i loro investimenti si riescono a fare un sacco di soldi. Come il pesciolino che si nasconde dietro lo squalo, qualche avanzo di cibo si riesce sempre a rimediare. Quindi stai tranquillo, guadagnare con il trading si può, non dico che sia facile, ma si può fare.

Per fare il salto di qualità nel trading si ha bisogno innanzitutto di capire dove si sbaglia. Spesso gli errori che si commettono sono banali e conoscere alcune semplici regole può farci fare il salto di qualità. Queste sono le regole che io chiamo “click”, cioè quelle regole che ti fanno dire: “è vero, ecco dove sbagliavo!” Ognuno le impara in modi diversi e a proprie spese, ma sappiate che queste regole sono fondamentali. Infatti ognuno di noi tenderà a commettere errori più o meno gravi che però comprometteranno pesantemente i nostri risultati. Ad esempio uno di questi errori è quello di tendere a modificare spesso il proprio sistema di trading solo perché ha registrato qualche trade perdente. Quindi segnatevi questa regola, perché potrebbe essere la vostra “regola click”: sii disciplinato verso il tuo sistema di trading e seguine sempre le regole.

Come gestire le emozioni nel trading Forex

Spesso ciò che ci impedisce di decollare nel trading non è il nostro sistema, ma la nostra mente. Infatti nonostante crediamo di controllare le nostre emozioni, la maggior parte delle volte sono loro a controllare noi, e senza accorgercene. Queste maledette sono subdole! Altre volte, inoltre, dopo essere palesemente caduti vittime delle emozioni, cerchiamo di mascherare l’errore, prendendoci in giro, autoconvincendoci di aver fatto la scelta corretta. Vediamo quali sono questi errori più comuni, mi raccomando occhi aperti, la prossima potrebbe essere la tua “regola click.”

forex-errori

Ecco quello che succede nella mente della maggior parte dei trader amatoriali quando, dopo che il loro sistema gli ha fornito un segnale di entrata, entrano nel mercato aprendo una posizione: Ok, sono gasato, il mio super sistema mi ha fornito un segnale, long su EUR/USD, sono convinto della sua validità quindi apro una posizione, diciamo €1.000. Cavolo, il prezzo sta scendendo, e io a causa della leva, sto già perdendo €80. Non accenna a rimbalzare, -€170 poi -€220. Questo è troppo per me, anche se lo stop-loss è piazzato 30 pips sotto, €220 sono una grossa cifra per me, quindi decido di chiudere la posizione: -€240. Sono fiero di me, sono riuscito a tagliare le perdite! Dopo neanche un’ora riaccendo il computer e vedo che il prezzo è risalito. Se avessi rispettato il mio stop-loss, e non avessi chiuso prematuramente la posizione, non solo non avrei perso €240, ma adesso sarei anche in guadagno di €86.

Ok, va bene, adesso li recupero subito. Il mio fantastico sistema mi dice di andare short su USD/CHF. Visto che ho già perso più di €200 adesso decido di andarci più piano, e invece di investire €1.000, dimezzo e apro una posizione di €500. Bene, come previsto il prezzo inizia subito a scendere, ora sto già guadagnando €70, poi +€160. Ma un attimo, adesso il prezzo sta invertendo al rialzo, il mio guadagno si sta riducendo, ora sono in attivo soltanto di €90, meglio chiudere e portare a casa questo profitto. Alla fine meglio questo che niente! Dopo qualche ora consto che il prezzo aveva tranquillamente ripreso a scendere e, se fossi rimasto nel mercato, avrei guadagnato €240. E se invece di investire la metà dei soldi, ne avessi investiti come al solito €1.000, adesso avrei guadagnato €480. Mentre ora il saldo delle due posizioni registra un meno €150…

Il Forex e le probabilità

L’errore nelle operazioni descritte sopra è solo uno: aver seguito le proprie emozioni. Se il trader, invece di seguire il suo istinto, si fosse concentrato soltanto sul suo sistema di trading, ora staremmo a parlare di un’altra storia. Invece lui si è fatto trascinare dagli impulsi, la paura prima e l’avidità dopo sono diventate le uniche ragioni che lo spingevano ad agire, portandolo, in entrambi i casi, a sbagliare e ad avere un saldo in rosso.

strategie-trading-forex

È come se decidessimo di giocare al gioco della monetina per vedere quante volte esce “testa” e quante volte esce “croce.” Lo sanno tutti che le probabilità sono del 50% per ogni faccia della moneta, ma questa proporzione si riscontra soltanto sulle lunghe serie, diciamo dopo i 1.000 lanci. Ma se tu dopo pochi lanci iniziassi ad esitare, chiedendoti: la monetina ha la giusta aerodinamica? Il modo in cui lancio è corretto? La moneta deve rimbalzare per terra o la devo fermare con la mano? Ecco che inizieresti a perdere di mira la vera essenza del gioco: la probabilità.

Il trading è la stessa identica cosa, è soltanto un gioco di probabilità, dove i risultati si vedono sul lungo periodo e non dopo poche operazioni. Quindi per quale motivo ci si dovrebbe preoccupare dopo soltanto un trade sbagliato. Perché dovremmo cambiare il nostro sistema dopo solo pochi lanci della monetina? Ovvio che se registriamo una sfilza di operazioni negative, qualche domanda dobbiamo iniziare a farcela. Ma altrimenti abbiate fiducia nel vostro sistema, continuate a seguirlo, in fondo il trading è soltanto un gioco di probabilità.

Conto Demo & Conto Reale nel Forex trading

Parliamo ora del tanto menzionato conto demo. È corretto utilizzarlo? Oppure è solo una perdita di tempo? Non solo è corretto iniziare facendo pratica sul conto demo, ma è addirittura fondamentale nel processo che ti porterà a diventare un trader di successo. Perciò se non ne hai uno corri ad aprirlo! È così importante perché ti permette di operare sul mercato senza vincoli di denaro, in questo modo avrai tutto il tempo per assimilare il tuo sistema e per farlo tuo. È vero che operare sul conto demo non è come operare sul conto reale, i soldi sono finti, di conseguenza non dovrai combattere con le tue emozioni, poiché queste non si faranno sentire se i soldi sono virtuali. Ma questo non importa, ciò che conta è fare pratica e prendere confidenza con il tuo sistema e con il Forex in generale.

forex-demo-account

Dopo un periodo di pratica sul conto demo che va dei 3 ai 6 mesi, se tutto procede liscio, puoi passare a negoziare con soldi reali. Quello che ti consiglio è di iniziare depositando pochi soldi, giusto quelli necessari per iniziare a fare trading, e operare soltanto con cifre che per te non sono elevate. In questo modo riuscirai a tenere le emozioni a bada. Quando ti sarai abituato a negoziare con quelle cifre, allora inizia gradualmente a depositare altri soldi. Poi se i risultati arrivano e le emozioni sono sotto controllo continua ad aumentare il tuo conto. Fai questo giochetto fino a quando non avrai depositato il capitale che per te è giusto per fare trading.

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

I vantaggi del Forex

Ma in quale mercato è meglio investire? Senza ombra di dubbio, il forex è il mercato migliore nel quale fare trading. Innanzitutto è il mercato più liquido al mondo, con un volume di negoziazione giornaliero di $5 trilioni. Inoltre, essendo un mercato non regolamentato (over-the-counter), permette di fare cose che in altri mercati sarebbero impossibili. Ad esempio, un trader da casa negozia allo stesso livello di una banca o di un’istituzione, cioè non importa chi sei o quanto importante sei, i prezzi con i quali negozio io sono gli stessi con i quali negozi tu. Nessuno ha corsie preferenziali. Altra importante caratteristica è la possibilità di investire a leva, alcuni broker offrono addirittura una leva di 1.000:1.

forex-long-schort

Il forex è aperto 24h, per cui non si ha bisogno di seguire strani orari per aprire o chiudere posizioni, ma possiamo facilmente adattare la negoziazione alle nostre abitudini, dormire quando vogliamo e operare quando vogliamo. Tanto il mercato è sempre aperto! La sua dimensione di non-regolamentazione però, oltre ai numerosi vantaggi, espone inevitabilmente anche a numerosi rischi, come il fatto di poter essere vittime di truffe. Questo inconveniente viene facilmente evitato informandosi precedentemente sul broker nel quale abbiamo intenzione di investire.

Strategia trading Forex: Grandi rialzi, Grandi ribassi

Adesso voglio parlarti della mia strategia di trading. Quello che devi comprendere prima di procedere oltre, è che questa strategia – come tutte – non ti farà mai vincere il 100% delle volte, ma funzionerà nel lungo periodo solo se continuerai ad attuarla. Inoltre è corretto che ognuno modifichi la strategia come crede per adattarla al meglio alle proprie caratteristiche, perché ricorda non esistono strategie adatte a tutti, poiché ognuno avrà bisogni e necessità diverse.

strategia trading grandi rialzi e ribassi

Partiamo subito con la prima strategia, si chiama “Grandi rialzi, grandi ribassi”. Questa è abbastanza semplice ma molto efficace e adatta soprattutto a quei traders che non hanno tempo da dedicare al trading. Con questa strategia potrai analizzare i grafici una volta a settimana, nel weekend, e aprire 2, massimo 3 operazioni al mese. Funziona in questo modo, dopo aver individuato su un grafico settimanale il pattern “inghiottitoio” (può essere sia al rialzo che al ribasso) imposta un’ordine di entrata sul massimo/minimo della candela inghiottitoio, quindi piazza lo stop-loss sulla parte opposta della stessa candela. Sposta quest’ultimo sul punto di pareggio quando stai guadagnando il 50% della lunghezza della candela inghiottitoio. Mettiamo che è lunga 100 pips, stringi lo stop-loss quando stai sopra di 50 pips. Quindi chiudi la posizione quando stai avendo un profitto pari al 150% della lunghezza della candela inghiottitoio.

Strategia trading Forex: Movimenti giornalieri

Quest’altra strategia si chiama “Movimenti giornalieri,” e a differenza di quella sopra, richiede maggior tempo in quanto è necessaria l’analisi quotidiana dei grafici giornalieri. A parte queste differenze ci sono molte analogie, anche qui infatti bisogna identificare, sui grafici giornalieri, il pattern “inghiottitoio.” È consigliato entrare nel mercato soltanto quando questo pattern si forma alla fine di una correzione all’interno di un trend con una chiara direzione.

strategia trading movimenti giornalieri

Piazza quindi l’ordine di entrata 5 pips sopra/sotto (dipende dalla direzione del pattern) la candela inghiottitoio e lo stop-loss dalla parte opposta. Sposta lo stop-loss sul punto di pareggio dopo che il più vicino livello di supporto/resistenza è stato perforato.

Strategia trading Forex: Bassi timeframes

Parliamo ora di un’altra strategia, adatta agli scalper, in quanto prevede l’apertura e la chiusura delle posizioni nell’arco di un tempo ristrettissimo. Questa strategia si chiama “Bassi timeframes” e io la sconsiglio a tutti quei trader che non sono ancora esperti. Infatti lo scalping richiede un’elevata reattività al mercato e una profonda conoscenza dei meccanismi, per questo il mio consiglio è di iniziare prima a negoziare su archi temporali più lunghi, per poi avvicinarsi gradualmente allo scalping.

Per fare scalping è inoltre fondamentale operare solo con broker che offrono commissioni molto basse visto che saremo portati ad aprire numerose posizioni. Inoltre è importante negoziare solo sulle coppie di valute più liquide nei momenti di maggiori volumi di scambi, come durante la sessione londinese o in quella di New York. Questa strategia prevede di individuare il trend del mercato analizzando il grafico giornaliero, e di operare soltanto in linea con la sua direzione quando corregge la sua direzione.

L’importanza di avere un solido trading system per il Forex

Veniamo adesso a uno degli argomenti più importanti nel trading: la dimensione della posizione. Stabilire correttamente quanto grandi devono essere le nostre posizioni è probabilmente il compito più importante per un trader. Io ora spiegherò un ottimo modo per calcolare quanto grandi devono essere le tue posizioni.

Dopo aver operato per diversi mesi sul conto demo, saremo finalmente in grado di stabilire i “numeri” del nostro trading system. Qual è il rapporto profitto/perdita? Qual è la percentuale di operazioni vincenti? Quanto guadagno in media da ogni operazione? Questi sono tutti dati molto importanti, che vanno costantemente monitorati. Una volta che avremo questi dati potremo provvedere a calcolare la dimensione della nostra posizione.

guadagnare-con-il-forex

Innanzitutto bisogna specificare come sia sconsigliato investire più del 5% del proprio capitale in un singolo trade, io consiglio di impiegare il 2% a posizione. Per questo calcolo è indispensabile sapere esattamente dove imposteremo lo stop-loss e quindi quanti soldi andremo a rischiare. In base a questo stabiliremo quanto grande deve essere la posizione. Mettiamo di avere un capitale di €10.000 e che siamo disposti ad investire in ogni posizione il 2% del capitale, quindi €200. Sappiamo che lo stop-loss sarà impostato a 20 pips di distanza dal punto di entrata, quindi 20 pips devono rappresentare €200. Facciamo questo calcolo: (200/20) x 10.000 = €100.000. Quindi la nostra posizione deve essere di €100.000, ovviamente senza calcolare la leva.

Questa è la formula: (La quantità di denaro che si vuole rischiare in € / pips di distanza da stop-loss) x il tuo capitale.

Per poter affrontare nel migliore dei modi il duro mondo del trading hai bisogno di un sistema che funzioni. Questo sarà la tua stella cometa che ti mostrerà la strada e ti guiderà nei tuoi investimenti. Ma cosa deve dirci di preciso un trading system?

  • La dimensione della posizione
  • Quanto aspettarci di perdere in ogni posizione (stop-loss)
  • Quanto aspettarci di guadagnare da ogni posizione (take-profit)

Inoltre deve fornirci degli elementi vitali nel trading, che sono:

  • Regole chiare su quando entrare nel mercato
  • Segnali per individuare trades che ci permetteranno di registrare grandi profitti e piccole perdite
  • Protezione del trading dalle nostre emozioni

Ecco infine i passi che dovrai compiere per diventare un trader di successo:

  • Stabilisci i tuoi obiettivi, ad esempio: “mi sentirò soddisfatto quando guadagnerò €2.000 al mese.” Mi raccomando, questi devono essere degli obiettivi sensati e realistici
  • Decidi che tipo di trading applicherai: di breve, medio o lungo periodo
  • Decidi quanto rischio sei disposto ad accettare per ogni operazione
  • Apri un conto demo e cerca di replicare nei minimi dettagli il trading reale. Quindi investi i soldi che investiresti sul conto reale e opera sul broker che hai scelto per il futuro
  • A questo punto, se nel periodo del conto demo hai ottenuto dei risultati soddisfacenti, è arrivato il momento di fare sul serio. Apri un conto reale e inizia a fare trading.

I 3 errori più comuni del giovane trader

alt

Chi si accinge per la prima volta ad investire nel forex lo fa sicuramente perché vuole prova a ” fare il trader “. Questa parola, che poi non è altro che il nome di un lavoro, suscita un certo fascino e spinge anche persone inesperte a provare. Ma purtroppo non ci si può avventurare nel mondo del trading senza avere delle conoscenze specifiche, senza avere delle basi su cui costruire le proprie strategie. Il trading online e in particolar modo quello sul forex richiedono grande capacità di analisi e di gestione del capitale. Se tali competenze risultano essere assenti, allora, l’aspirante trader non può fare altro che soccombere e, suo malgrado, perdere il capitale investito. Gli errori commessi dai trader inesperti sono sempre gli stessi e si basano principalmente sulla scarsa preparazione e sull’eccessiva emotività.
Nonostante oggi giorno moltissimi broker danno la possibilità di seguire corsi gratuiti direttamente online ci sono ancora pochi trader che decidono di seguire tali corsi. La prima cosa da fare prima di investire è quella di considerare quanto siamo disposti a perdere. Da questa considerazione deve partire poi l’impostazione dell’intera strategia di trading che deve sempre e comunque puntare sulle probabilità a favore del trader. Avere le probabilità a favore significa guadagnare nel lungo periodo ed evitare di preoccuparsi così delle possibili perdite che di sicuro dovremmo sostenere. Una buona strategia di trading mira a massimizzare i profitti, riducendo al minimo le perdite. Per ottenere ciò non bisogna investire sempre, basta scegliere i momenti giusti e sfruttarli a nostro favore. Vediamo adesso quali sono gli errori più comuni dei giovani trader:
1) Invertire a istinto: quando si guarda un grafico di prezzo per la prima volta non si ha una chiara idea di come e di dove si stia muovendo. Magari non si conoscono neppure i concetti di tendenza, di fase laterale etc. A questo punto il trader inesperto tende a negare che vi sia uno schema, una logica di movimento ed inizia ad investire seguendo il proprio istinto, il fiuto di cui magari ha sentito tanto parlare. Il fiuto si sviluppa nei grandi trader grazie all’esperienza accumulata negli anni, grazie ai tanti errori commessi e grazie anche ai numerosi studi condotti sul campo.
2) Non seguire nessuna regola di money management: quando un trader inesperto inizia ad investire, solitamente non possiede grandi capitali, per questa ragione decide di puntare tutto il capitale in un unico investimento, in questo modo riduce enormemente le sue probabilità di ottenere dei guadagni e si espone quasi sicuramente a perdite certe.
3) Non aspettare i momenti giusti: è un errore pensare che il mercato offra sempre momenti giusti, infatti, molto spesso, si verificano fasi in cui non risulta essere conveniente operare investimenti sul mercato. I motivi sono molteplici, magari vi è una scarsa volatilità e, quindi, una minore probabilità che si possa verificare una tendenza, o magari ci si trova in una fase laterale che denota incertezza e, quindi, il compito del trader in questo caso è quello di attendere che i prezzi prendano una direzione precisa.

4 errori comuni che i trader emergenti commettono

Ti sei mai chiesto quali sono gli errori più comuni che un trader emergente possa commettere? Probabilmente anche tu sei alle prime armi e quindi la risposta a tale domanda è davvero troppo difficile, ma non disperare, noi di ForexGuida.com ti veniamo in soccorso: vediamo quali sono i 4 errori più comuni che potresti connette.

4 errori che faresti meglio ad evitare

1º errore: scegliere il broker con superficialità

Il trading online è una grande occasione, si possono ottenere guadagni davvero considerevoli, ma di contro si possono ottenere delle perdite che possono arrivare, se non si presta attenzione, al 100% del capitale investito. La voglia di cominciare è così forte che la maggior parte dei trader sceglie il primo broker che capita, ignorando il fatto che per un buon 40% la scelta del broker condiziona l’attività di trading.

Scegliere il broker giusto significa conoscerne le caratteristiche e credere che possano soddisfare le proprie esigenze. Consulta la sezione broker forex per accedere alla lista dei broker più sicuri.

2º errore: usare una leva finanziaria troppo alta

L’utilizzo della leva finanziaria come probabilmente già saprai può sia essere un vantaggio sia diventare il motivo principale di perdita, questo perché la leva si comporta come un moltiplicatore: moltiplica sia i profitti sia le possibili perdite. Molto spesso si tende ad utilizzare una leva 1:100 perché considerata normale, invece, questa leva è estremamente pericolosa ed espone a rischi elevati, soprattutto se sei alle prime armi. Ti consigliamo di utilizzare una leva finanziaria 1:50, che è molto meno rischiosa e ti permette di utilizzare bene l’effetto moltiplicatore.

3º errore: investire troppo capitale in poche operazioni

Uno dei più grandi errori dei principianti è quello di voler “diventare ricchi” subito, il che li spinge ad investire grosse percentuali del proprio capitale di trading senza però considerare che la stessa attività che svolgono, il trading appunto, si basa sulle probabilità che un dato segnale generi un certo movimento, ergo, non tutti i segnali generano profitti ed è pertanto necessario ridurre al minimo la percentuale di capitale investito per singola operazione. Noi ti consigliamo di investire ad ogni operazione solo il 5% del tuo capitale.

4º errore: investire a caso

Può capitare che si voglia provare una nuova emozione, che si vogliano sperimentare nuovi modi di fare soldi ed allora, senza conoscere assolutamente nulla, si comincia ad investire…molto spesso a caso, senza tenere in considerazione che per ottenere dei guadagni bisogna seguire una strategia di trading. A tal proposito abbiamo creato una guida in PDF che può offrirti una buona base di partenza per la tua avventura nel trading online, puoi scaricare la guida cliccando qui!

Vai alla home per saperne di più sul Forex Trading online

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Lascia un commento

Non ci sono ancora commenti

Puoi essere il primo a iniziare la conversazione

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.