I venture capitalist

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 19-11-2010 0:00
venture_capitalistL’interesse e il concreto ingresso di investitori finanziari nel capitale delle imprese ad alto contenuto tecnologico è una risposta all’obiettivo finanziario del ritorno sul proprio investimento. Da questo punto di vista siamo nelle stesse condizioni che caratterizzano il private equity.
Ma mentre in quest’ultimo caso, quando si tratta di investimento nella partecipazione di minoranza, l’investitore nulla aggiunge rispetto alla gestione dell’azienda, in ambito di venture capital, dove spesso si introducono quote corpose, il venture capitalist in prima persona deve essere in grado di offrire una linea guida, una direttiva al management dell’azienda che finanzia, e questo è necessario per due ordini di motivi. Il primo è che in una industria a base fondamentalmente tecnologica, il management iniziale è certamente formato da tecnici, quindi si origina in un gruppo imprenditoriale ricco di idee e di iniziative che in qualche modo, da parte del venture capitalist vanno disciplinate e seguite per evitare gli sprechi e la dispersione che normalmente precede e segue la fase iniziale di start up. Le soluzioni per guidare la crescita dell’impresa in tale fase sono diverse, ed innanzitutto prevedono di introdurre nel management dell’azienda una o più persone dell’entourage del investitore, o quanto meno facenti parte di un team di professionisti di riferimento per l’investitore stesso.
Il secondo motivo per cui sono necessarie competenze tecniche da parte dell’investitore è che inizialmente l’azienda in fase di start up ha poco valore finanziario e quindi non è in grado di competere sul mercato azionario in quanto mostra un elevato rischio iniziale; la presenza di una forte componente tecnologica nelle competenze dell’investitore venture capitalist permette di rendere più appetibile e qualificata l’azienda stessa nei confronti di terzi interessari.
Si possono individuare tre principali gruppi di investitori venture capitalist, ovvero i fondi seed corn, i cosiddetti business angels e gli incubatori di impresa. I primi sono fondi molto piccoli specializzati nel finanziamento della fase precompetitiva e in molti casi sono una divisione di fondi di venture capital che possono intervenire poi in un successivo sviluppo dell’impresa. I secondi sono investitori privati, ex manager con elevata liquidità proveniente o dai propri compensi accumulati o dalla vendita della propria attività. Molto spesso questi business angel investono a patto di essere coinvolti a pieno titolo nella gestione della nuova impresa. I terzi sono molto spesso di natura pubblica e garantiscono alla nuova azienda un accesso a notevoli competenze e strutture istituzionali.


Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.