Gestione del conto di trading nel Forex

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 12-05-2022 19:47

Se volete trovare un modo per ridurre le vostre perdite, dovete imparare le strategie di gestione del rischio. Si tratta di un aspetto essenziale per garantire che il vostro conto non venga completamente svuotato di tutto il denaro che avete. Tuttavia, anche dopo aver sottolineato l’importanza della gestione del rischio, questo approccio viene spesso trascurato: dunque, dovete costantemente ricordare a voi stessi che anche se avete guadagnato molti profitti in una singola operazione o in una serie di operazioni, non importa se non siete attenti perché, nell’operazione successiva, potete perdere tutto e di più in un colpo solo. Ecco perché una strategia di gestione del rischio è così importante.

È vero che il day trading può essere redditizio e anche un’impresa eccitante, ma dovete anche rimanere molto concentrati e non lasciare che le vostre emozioni interferiscano con le vostre pratiche di trading. In questo articolo ne parleremo più approfonditamente e vi mostreremo come potete mantenere un approccio obiettivo e strategico. Fidatevi di me: questo è il modo più intelligente per ridurre le perdite e massimizzare i profitti.

Gestione del rischio nel Forex trading

Nelle prossime righe condivideremo insieme alcune strategie semplici ma efficaci da utilizzare se vuoi gestire meglio il rischio nel Forex trading.

Pianificare le operazioni in modo intelligente

La pianificazione è una parte essenziale per evitare tutti i rischi o almeno per gestire quelli che si presentano. Infatti, la pianificazione dell’operazione può fare la differenza tra il successo e il fallimento. Ma prima di tutto ciò, dovete assicurarvi che il broker che avete scelto sia adatto a fare trading frequentemente. Questo perché non tutti i broker sono adatti al day trading. Alcuni broker sono più adatti a chi fa trading poco frequente e se scegliete il broker sbagliato, potreste semplicemente finire per pagare commissioni più alte, con conseguenti minori profitti. Inoltre, dovete avere un’idea chiara dei punti in cui volete vendere. Il trading non è un gioco d’azzardo e se lo pensate sarete in perdita. Non lasciate mai che siano le emozioni a dettare le vostre azioni nel mercato azionario. Parleremo ancora delle emozioni nell’ultima parte di questo capitolo.

Regola dell’1% nel Forex trading

La regola dell’1% è una regola che molti seguono al giorno d’oggi. La regola non è del tutto rigorosa e può essere personalizzata in base ai propri metodi di trading. Tuttavia, la regola è abbastanza efficace se volete ridurre al minimo le perdite e avere un buon reddito ogni mese. La regola dice semplicemente che, quando fate un’operazione, non rischiate più dell’1% per ogni singola operazione. Ma non fraintendetemi, se avete un conto di trading di 20.000 dollari, non significa che investirete solo l’1%, cioè 200 dollari. Potete investire tutto il denaro che volete, ma la regola dell’1% significa che dovreste prendere provvedimenti per evitare perdite superiori a 200 dollari in qualsiasi operazione.

Continuando a fare trading, vi renderete conto che non è possibile vincere ogni operazione, ma se continuate a incontrare situazioni sfavorevoli, il vostro capitale subirà un forte calo. Ma la regola dell’uno per cento impedirà che ciò accada, con un grande margine.

Stabilite i vostri punti di take-profit e stop-loss

Questo è un altro passo molto importante che dovreste fare quando pianificate le vostre operazioni. Lasciate che vi spieghi il significato di questi due punti e vi sarà più chiaro cosa sto cercando di dire. Il punto di take-profit è il prezzo che il trader fissa per ottenere un profitto dopo aver venduto il titolo. È importante nelle situazioni in cui un titolo ha già compiuto un grande movimento al rialzo e ora si sta avvicinando a una fase in cui potrebbe incontrare una certa resistenza. Quindi, prima che si verifichi qualsiasi tipo di consolidamento, dovreste considerare la possibilità di vendere le vostre azioni.

Esistono poi dei punti di stop-loss in cui si stabilisce un prezzo al quale vendere le azioni e accettare la perdita che ne deriva. Si tratta in sostanza di una strategia di uscita da mettere in atto nel caso in cui le cose non vadano come previsto. Di solito, i trader hanno questa mentalità di rimanere nell’operazione anche dopo una perdita, perché pensano che le perdite si ripresenteranno, mentre in realtà non è così. Ma se si fissa un punto di stop-loss, si può evitare che si verifichino altre perdite.

Calcolare il rendimento atteso

Se volete calcolare il vostro rendimento atteso, dovete prima imparare ciò che abbiamo menzionato nel punto precedente. Ma il calcolo dei rendimenti attesi è un ottimo modo per razionalizzare le operazioni. Non importa quanto se ne sottolinei l’importanza, non sarà sufficiente! Una volta che avrete iniziato a farlo, sarete in grado di esaminare le vostre operazioni, di confrontarle e di procedere solo con quelle che vi sembrano redditizie.

Se volete conoscere la formula per il calcolo, eccovi accontentati.

[(Take Profit % Gain) x (Probabilità di Gain)] + [(Stop-Loss % Loss) x (Probabilità di Loss)]

Copertura e diversificazione

Avrete sicuramente sentito dire più volte nella vostra carriera di trader che non dovreste mettere tutte le vostre uova in un solo paniere. Questo perché, se lo fate, vi preparate a subire una perdita e nient’altro. Supponiamo che tutti i vostri soldi siano investiti in un’azione che, per qualche motivo, non si comporta come avreste voluto. In questo caso, subirete un’enorme perdita. Ecco perché gli investimenti devono essere diversificati non solo tra i diversi settori, ma anche tra le diverse aree geografiche. A volte è necessario anche coprire la propria posizione. Se non sapete cosa sia l’hedging, si tratta di una strategia che vi aiuta a minimizzare le perdite quando scegliete un’attività correlata e occupate la posizione opposta in modo da minimizzare le perdite.

Psicologia del trading

Non si può lasciare che le emozioni prendano il sopravvento quando si fa trading, altrimenti possono causare gravi problemi e perdite. Se parlate con trader affermati che lo fanno da anni, tutti vi diranno che è necessaria una grande durezza mentale per avere successo nel day trading. Nessuna operazione sarà identica all’ultima che avete fatto. Ma dovrete affrontare una marea di problemi se non riuscirete a portare avanti la strategia di trading che avete pensato all’inizio e questo vi porterà a saltare le operazioni o a entrare o uscire nel momento sbagliato. Gli errori più comuni nel trading sono dovuti a ragioni psicologiche e qui ne discuteremo alcuni dei principali per evitare che anche voi li commettiate.

Non essere sicuri del metodo

A volte i trader pensano a una strategia, ma quando si tratta di eseguirla fanno un passo indietro. Per evitare queste situazioni, dovete essere sicuri delle strategie che decidete di seguire. Uno dei modi migliori per farlo è continuare a praticare le strategie finché non diventano una seconda natura. Certo, questo richiederà molto tempo e non avverrà in pochi minuti, ma vi aiuterà anche nel lungo periodo.

Fare trading quando non si è concentrati o si è malati

Quando si porta avanti la propria strategia di day trading, è sicuramente necessario un grande sforzo mentale e di concentrazione, e se non si è pienamente concentrati perché si ha in mente qualcos’altro o magari si è malati, l’attenzione sarà divisa. È più probabile che perdiate le buone opportunità perché non avete l’energia mentale necessaria. Quindi, se in un certo giorno vi sentite stanchi o semplicemente non avete voglia di fare trading, fermatevi.

Non prepararsi alla giornata di trading

Il day trading è una cosa complessa ed è soprattutto per coloro che lo fanno per vivere, perché è necessario essere completamente investiti in esso. Ma anche se siete impegnati in altre cose, assicuratevi di prepararvi per la giornata di trading, ad esempio informandovi sulle notizie recenti, controllando le azioni e così via. Dovreste avere una vostra routine specifica per il day trading, in modo da non perdere nulla.

Lasciare che i fallimenti del passato influenzino le operazioni più recenti

Vincere e perdere fa parte del processo di trading. Non si possono vincere tutte le operazioni e, allo stesso modo, non si possono perdere tutte le operazioni. Se notate una buona opportunità di profitto, coglietela. Non lasciate che i fallimenti di ieri influenzino in alcun modo la vostra decisione. I trader spesso commettono l’errore mentale di pensare che, avendo perso l’ultima operazione, perderanno anche questa. Allo stesso modo, se avete vinto l’operazione precedente, non lasciate che questo vi spinga a un’eccessiva avidità o vi renda arroganti. Dovete ricordare che la vostra mente deve essere rivolta solo all’operazione che state conducendo e non a quelle passate o future. I vincitori tendono ad allungare le soglie delle strategie, ma ogni strategia ha dei limiti e bisogna rispettarli. Dovete fare una valutazione ragionevole del fatto che un’operazione sia vincente o perdente e quindi decidere se investire o meno il vostro denaro.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.