Forex euro, cosa aspettarsi dalla riunione di oggi della BCE

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 10-04-2019 13:12
Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

La BCE anticipa ad oggi la sua consueta riunione: un meeting nel quale discuterà delle prospettive cicliche e nel quale dovrebbe confermare la valutazione più prudente fatta a marzo scorso.

Sul fronte macro è evidente che i dati diffusi nelle ultime settimane siano stati tendenzialmente misti, anche se nel complesso non segnalano un’imminente riaccelerazione del ciclo economico, e anche se l’inflazione core per il momento sembra andare nella direzione opposta rispetto a quella sperata. L’evoluzione positiva è che i rischi derivanti dallo scenario internazionale sembrano in parte rientrati. Nel complesso, il quadro macro giustifica ancora dei toni accomodanti.

Per quanto attiene l’attenzione dei mercati, è probabile che il focus rimanga soprattutto sui dettagli operativi delle nuove aste TLTRO III e sull’introduzione di un sistema di rimunerazione a più livelli delle riserve in eccesso. Per quanto attiene le TLTRO III, i dettagli di natura operativa saranno annunciati solamente nel corso del mese di giugno.

Per quanto poi riguarda la conferenza stampa, è ben possibile che emergano alcune indicazioni preliminari sulle modalità incentivanti. Draghi ha in particolar modo precisato che l’istituto monetario di Francoforte è pronto a considerare delle misure utili per poter contenere l’impatto dei tassi negativi, ma diversi altri membri del Consiglio hanno chiarito che deve esserci una chiara motivazione economica.

Spostandoci poi ai dati macro, il calendario per l’eurozona ha offerto un dato sulla produzione industriale francese a febbraio inaspettatamente salita di 0,4% m/m da +1,3% precedente, nonostante le attese di consenso per un calo. Il comparto manifatturiero è salito oltre le attese (+1,1% m/m da 0,7% m/m) più che compensando il contributo negativo della produzione di energia. La variazione annua passa a 0,6% da 1,7%. Il dato lascia comunque la produzione nel 1° trimestre in rotta per un recupero di ben 1,2% t/t dopo il -0,5% t/t di fine 2018 (il contributo al PIL nel trimestre sarebbe pari a oltre un decimo). A seguire, in Italia, la produzione industriale è attesa in calo a febbraio, di almeno -0,8% m/m dopo il +1,7% m/m di gennaio.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IG Markets Deposito: 0€
Licenza: FCA / CONSOB
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Lascia un commento

Non ci sono ancora commenti

Puoi essere il primo a iniziare la conversazione

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.