Dollaro australiano, il calo recente non basta alla Banca centrale

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 21-08-2018 8:57 Aggiornato il: 07-10-2018 17:15

Il numero 1 della Banca centrale australiana Philip Lowe ha dichiarato che vorrebbe vedere la valuta nazionale indebolirsi ancora un po’, e di immaginare i tassi di interesse di riferimento rimanere ai minimi storici per qualche tempo.

“Probabilmente ci vorrà un po’ di tempo prima di raggiungere il pieno impiego e prima che il tasso di inflazione si posizioni confortevolmente all’interno della fascia obiettivo su una base sostenuta”, ha detto Lowe nella sua dichiarazione di apertura a una riunione parlamentare di venerdì scorso a Canberra. “Siamo pronti a mantenere l’attuale impostazione di politica monetaria fino a quando questi benchmark non saranno migliori” – ha poi aggiunto.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Nel suo report semestrale, il governatore ha anche preso atto della resilienza della valuta negli ultimi anni. Ha detto che i responsabili politici speravano che, con l’inasprirsi della policy della Federal Reserve, ciò avrebbe spinto il dollaro USA a salire e la sua controparte australiana a scendere. Ciò, a sua volta, avrebbe stimolato l’inflazione e l’occupazione, lasciando alla Reserve Bank of Australia il compito di iniziare a normalizzare i tassi.

“Quel processo ha richiesto molto tempo, e potrebbe essere che si stia verificando, anche se il dollaro australiano non si è mosso così tanto”, ha detto il governatore. “Continuo a pensare che un dollaro più basso sarebbe utile” – ha poi proseguito, rammentando come il dollaro australiano abbia perso l’8% contro il biglietto verde negli ultimi sei mesi.

Lowe ha poi precisato che l’economia australiana dovrà generare maggiori redditi per le famiglie e un’inflazione più alta prima che la politica monetaria venga rafforzata, per la prima volta dal 2010. Ha anche messo in evidenza i rischi globali per una nazione dipendente dal commercio, incluso il crescente protezionismo negli Stati Uniti e la decisione dell’amministrazione Trump di iniettare nuovi stimoli in un’economia già funzionante a pieno regime.

“I mercati finanziari rimangono piuttosto rilassati sulle implicazioni per l’inflazione. Io sono meno rilassato” – ha dichiarato in merito ai tagli delle tasse negli Stati Uniti, facendo poi riferimento a “conseguenze potenzialmente dirompenti sui mercati finanziari”.

La RBA fa affidamento su un mercato del lavoro in contrazione: il tasso di disoccupazione è pari a 0,3 punti percentuali rispetto alla piena occupazione stimata del 5%, per stimolare la crescita dei salari e stimolare l’inflazione. Lowe vuole vedere la crescita dei prezzi al consumo intorno al punto medio del suo obiettivo dal 2% al 3%, con i dati della scorsa settimana che hanno mostrato una crescita dei salari leggermente più rapida e il tasso di disoccupazione più basso in quasi sei anni.

“Nel loro insieme, questi dati sono coerenti con la nostra opinione che la crescita dei salari e l’inflazione riprenderanno gradualmente nei prossimi due anni”, ha detto Lowe. “Il numero di posti di lavoro vacanti, come la percentuale della forza lavoro, è a un livello record. Le imprese segnalano che è più difficile trovare lavoratori con le competenze necessarie e le intenzioni di assunzione rimangono positive” – ha aggiunto.

Infine, Lowe ha descritto il raffreddamento dei prezzi delle case a Sydney e Melbourne come uno sviluppo positivo. Le crescita degli ultimi anni “non erano sostenibili e rappresentavano un rischio a medio termine per la nostra economia”, ha affermato.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni
ROInvesting
  • Licenza: CySEC
  • Sponsor A.C. Milan
  • Investi con Paypal
Formazione Trader Prova Gratis ROInvesting opinioni
Markets.com
  • Trading CFD con Marketsx
  • Metatrader 4 e 5;
  • Negoziazione di azioni con Marketsi
Ampia scelta di asset e piattaforme Prova Gratis Markets.com opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Termini di ricerca:

  • opinioni dollaro australiano
  • dollaro australiano
  • news dollaro australiano