Cambio euro-dollaro: analisi e market movers settimana 28 Marzo – 1 Aprile 2016

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 27-03-2016 16:49 Aggiornato il: 27-03-2016 17:32

Una nuova settimana di trading forex sta per iniziare nel cambio euro-dollaro, quindi iniziamo la nuova settimana con la nostra analisi e market movers per il cambio euro-dollaro per la settimana dal 28 Marzo al 1 Aprile 2016. Iniziamo con l’augurare una buona pasqua a tutti i nostri lettori, un giorno che speriamo stiate vivendo anche voi con serenità in famiglia. Ma come ogni trader forex ben sa, il mercato del forex non dorme mai. Letteralmente. Infatti, il mercato del forex sarà aperto come solito anche Lunedì 28 Marzo 2016, mentre molti di noi si ritroveranno ancora in ferie dal lavoro o lontani dalla propria postazione di trading. Questo lunedì si prospetta comunque come una giornata a bassa volatilità, poiché saranno tantissime le borse nazionali chiuse, inclusa la nostra Piazza Affari. Non è da sottovalutare però il resto della settimana, poiché sono in arrivo molti market movers sia dall’Eurozona e soprattutto dagli USA, che possono influenzare seriamente l’andamento del cambio euro-dollaro.

Analizzando la precedente settimana di trading forex, ovvero la settimana di trading nel cambio euro-dollaro dal 21 al 25 Marzo 2016, possiamo notare che il cambio euro-dollaro sembra aver iniziato una corsa al ribasso. Il dollaro americano, a causa delle aspettative di un aumento dei tassi di interesse durante il mese di Aprile da parte della Federal Reserve Americana, ha concluso la settimana in rialzo. Un rialzo molto forte contro tutte le altre valute del forex, che l’ha portato a guadagnare l’1% contro il paniere di valute principali del forex. Il tutto dovuto dalle varie dichiarazioni dei membri del FOMC, che hanno specificato che un aumento dei tassi di interesse potrebbe essere molto più vicino di quanto non si creda, strizzando quindi l’occhio al mese di Aprile 2016. Anche perché proprio intorno al 26-27 Aprile 2016 si terrà un’altra riunione del FOMC, dove potrebbero essere prese decisioni molto importanti per l’economia americana, con gli ormai noti tassi di interesse come argomento principale di dibattito. Occhi aperti quindi sulle future decisioni della FED.

Analisi tecnica cambio euro-dollaro settimana 28 Marzo – 1 Aprile 2016

Le precedenti settimane di trading forex sono state settimane ad alta volatilità per il cambio euro-dollaro, che l’hanno visto oscillre dai valori di 1.08 e 1.13, il tutto soprattutto a causa delle decisioni prese da parte della Banca Centrale Europea sul Quantitative Easing (manovra finanziaria fortemente rafforzata), ma anche dalla Federal Reserve Americana sull’aumento dei tassi di interesse (taglio delle previsioni da quattro aumenti a due per l’anno 2016, con possibile aumento nel mese di Aprile 2016). Il cambio euro-dollaro si trova quindi sempre “intrappolato” in un trend laterale, iniziato dallo scorso 2015, e che porta il cambio euro-dollaro ad essere scambiato tra i livelli di 1.08 (linea blu sul grafico) e 1.13 (linea verde scuro sul grafico).

analisi_tecnica_cambio_euro-dollaro_28Marzo_1Aprile_2016

Come potete vedere infatti dal grafico forex per il cambio euro-dollaro qui sopra, il cambio euro-dollaro si ritrova in un trend laterale, suddiviso in sotto-canali di trading. Nelle ultime settimane di trading il cambio euro-dollaro è sceso dalla linea verde scuro, livello 1.13, fino alla linea blu, livello 1.08, per poi rilanciarsi verso la linea superiore. Risulta chiaro quindi che i livelli di 1.08 e 1.13 sono i principali livelli di supporto e resistenza per il cambio euro-dollaro. Tramite gli strumenti messi a disposizione dall’analisi tecnica e applicati sul grafico forex del cambio euro-dollaro, possiamo andare ad analizzare al meglio la situazione nel cambio euro-dollaro per quanto concerne la prossima settimana di trading forex:

  • Si è formato un doppio massimo, intorno al livello di resistenza di 1.13. Questa figura dell’analisi tecnica, oltre a rafforzare il livello di 1.13 come resistenza, sta a significare la possibilità di un imminente ribasso per il cambio euro-dollaro.
  • I prezzi hanno tagliato in ribasso la media mobile applicata sul grafico, un altro segnale ribassista per il breve-medio termine.
  • L’indicatore RSI si trova anch’esso in ribasso, e si sta per avvicinare alla linea del valore 50. Un taglio di questa linea in ribasso, rafforzerebbe ulteriormente la possibilità di ribasso nel cambio euro-dollaro.

I segnali che possiamo ricavare tramite gli strumenti dell’analisi tecnica sono alquanto chiari. Il cambio euro-dollaro sembrerebbe avvicinarsi ad una settimana di ribasso, per quanto riguarda la settimana di trading dal 28 Marzo al 1 Aprile 2016. Molto probabilmente il cambio euro-dollaro continuerà il suo ribasso fino a raggiugnere il livello di 1.11, sul grafico visibile come linea arancione. Bisognerà poi porre molta attenzione ai dati macro economici e market movers che la nuova settimana di trading ha in riserbo per i trader forex. A seconda delle aspettative e poi risultati dei dati, la spinta del ribasso può accentuarsi e portare il cambio euro-dollaro in direzione del livello successivo, ovvero 1.097, linea viola sul grafico. In caso di rialzo invece, il cambio euro-dollaro dovrebbe continuare a muoversi nel canale di trend corrente, ovvero compreso tra 1.11 (linea arancione) e 1.13 (linea verde scuro), senza fuoriuscire da quest’ultima linea.

Analisi market mover cambio euro-dollaro settimana 28 Marzo – 1 Aprile 2016

Una volta analizzato la situazione per il cambio euro-dollaro tramite l’analisi tecnica, soffermiamoci un attimo su i dati macroeconomici e market movers per questa nuova settimana di trading forex. Le ultime settimane di trading ci hanno dimostrato come quanto i mercati finanziari pendano dalle labbra sia della Banca Centrale Europea che della Federal Reserve Americana. Per questo motivo sarà di fondamentale importanza tenere sempre sotto controllo il calendario economico prima di aprire posizioni, specialemente per coloro che fanno scalping trading. Infatti, sono previsti moltissimi dati macro economici provenienti sia dai vari paesi dell’Eurozona, Italia compresa, ma anche dagli USA. I giorni con più market movers risulteranno essere proprio quelli vicini alla fine della settimana, con Giovedì e Venerdì i due giorni cruciali, quando verranno rilasciati importanti market movers per il cambio euro-dollaro.

Andiamo quindi a vedere l’elenco dei principali market movers per il cambio euro-dollaro per la settimana dal 28 Marzo al 1 Aprile 2016:

 Market mover lunedì 28 Marzo

  • Molte le borse nazionali chiuse, tra cui: Hong Kong, Spagna, Portogallo, Francia, Gran Bretagna, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Italia, Svizzera, Australia, Sud Africa, Germania. Si prospetta quindi una giornata a bassa volatilità.
  • 13:30 – USD: Indice prezzi spese personali principali (mesile, Febbraio)
  • 13:30 – USD: Indice dei principali prezzi di spesa per consumi (annuale, Febbraio)
  • 13:30 – USD: Bilancia commerciale di beni (Febbraio)
  • 13:30 – USD: Reddito personale (mensile, Febbraio)
  • 13:30 – USD: Spese personali (mensile, Febbraio)
  • 13:30 – USD: Consumi personali (mensile, Febbraio)
  • 15:00 – USD: Contratti pendenti di vendita di abitazioni (mensile, Febbraio)
  • 15:00 – USD: Indice delle vendite pendendti di case (Febbraio)
  • 15:30 – USD: Indice degli affari della Fed Mfg di Dallas (Marzo)
  • 18:00 – USD: Indice PCE Fed di Dallas (Febbraio)

Market mover martedì 29 Marzo

  • 09:00 – EUR: Livello di fiducia delle aziende italiane (Marzo)
  • 09:00 – EUR: Indice della fiducia dei consumatori italiani (Marzo)
  • 09:00 – EUR: Massa monetaria M3 (Annuale)
  • 13:55 – USD: Redbook (mensile)
  • 13:55 – USD: Redbook (annuale)
  • 14:00 – USD: Indice HPI S&P/CS Composite-20 destagionalizzato (mensile, Gennaio)
  • 14:00 – USD: Indice HPI S&P/CS Composite-21 non destagionalizzato (annuale, Gennaio)
  • 14:00 – USD: Indice S&P/CS HPI Composito-20 non destagionalizzato (mensile, Gennaio)
  • 15:00 – USD: Rapporto sulla fiducia dei consumatori (Marzo)
  • 15:30 – USD: Utili terziario Fed di Dallas (Marzo)
  • 15:30 – USD: Previsioni del settore terziario in Texas (Marzo)
  • 16:30 – USD: Discorso della Presidente della FED Yellen 

Market mover mercoledì 30 Marzo

  • 05:30 – EUR: Fiducia delle attività commerciali dei Paesi Bassi (Marzo)
  • 10:00 – EUR: Indagine sugli affari e sui consumatori (Marzo)
  • 10:00 – EUR: Indicatore dello stato di salute delle imprese (Marzo)
  • 10:00 – EUR: Fiducia dei consumatori (Marzo)
  • 10:00 – EUR: Aspettative di inflazione dei consumatori (Marzo)
  • 10:00 – EUR: Aspettative sul prezzo di vendita (Marzo)
  • 10:00 – EUR: Sentimento del settore dei servizi (Marzo)
  • 10:00 – EUR: Sentimento del settore industriale (Marzo)
  • 10:30 – EUR: Fiducia delle imprese portoghesi (Marzo)
  • 10:30 – EUR: Fiducia dei consumatori portoghesi (Marzo)
  • 12:00 – USD: Indice acquisti MBA
  • 12:00 – USD: Indice sul mercato dei mutui
  • 12:00 – USD: Indice di rifinanzimaneto dei mutui
  • 13:00 – EUR: IPC in Germania (mensile, Marzo)
  • 13:00 – EUR: IPC in Germania (annuale, Marzo)
  • 13:00 – EUR: IAPC tedesco (mensile, Marzo)
  • 13:00 – EUR: IAPC tedesco (annuale, Marzo)
  • 13:15 – USD: Variazione dell’occupazione non agricola ADP (Marzo)
  • 15:30 – USD: Scorte di petrolio greggio
  • 15:30 USD – Importazioni di Crude Oil
  • 15:30 – USD: Inventario di Cushing, Oklahoma, delle giacenze di Crude Oil
  • 15:30 – USD: Produzione di carburante distillato
  • 15:30 – USD: Scorte settimanali EIA di prodotti raffinati
  • 15:30 – USD: Produzione di benzina
  • 15:30 – USD: Scorte di petrolio da riscaldamento
  • 15:30 – USD: Inventari prodotti petroliferi

Market mover giovedì 31 Marzo

  • 07:00 – EUR: Vendite al dettaglio in Germania (annuale, Febbraio)
  • 07:00 – EUR: Vendite al dettaglio in Germania (mensile, Febbraio)
  • 07:45 – EUR: Spese dei consumatori francesi (mensile, Febbraio)
  • 07:45 – EUR: IPP francese (mensile, Febbraio)
  • 08:00 – EUR: Conto corrente spagnolo (Gennaio)
  • 08:00 – EUR: IAPC spagnolo (annuale, Marzo)
  • 08:00 – EUR: Vendite al dettaglio in Spagna (annuale, Febbraio)
  • 08:55 – EUR: Variazione della disoccupazione in Germania (Marzo)
  • 08:55 – EUR: Tasso di disoccupazione tedesco (Marzo)
  • 08:55 – EUR: Disoccupazione in Germania (Marzo)
  • 08:55 – EUR: Disoccupazione in Germania, dato non destagionalizzato (Marzo)
  • 10:00 – EUR: IPC italiano (annuale, Marzo)
  • 10:00 – EUR: IPC italiano (mensile, Marzo)
  • 10:00 – EUR: IAPC italiano (annuale, Marzo)
  • 10:00 – EUR: IAPC italiano (mensile, Marzo)
  • 10:00 – EUR: Indice principali prezzi al consum eurozona (annuale, Marzo)
  • 10:00 – EUR: IPC eurozona (annuale, Marzo)
  • 11:00 – EUR: IPP italiano (mensile, Febbraio)
  • 11:00 – EUR: IPP italiano (annuale, Febbraio)
  • 12:30 – USD: Tagli di posti di lavoro (Marzo)
  • 13:30 – USD: Richeiste di disoccupazione continua
  • 13:30 – USD: Richieste iniziali di sussidi di disoccupazione 
  • 13:30 – USD: Media delle richieste sussidio di disoccupazione di 4 settimane
  • 14:45 – USD: Indice dei direttori agli acquisti di Chicago (Marzo)
  • 15:30 – USD: Immagazzinamento di Gas naturale
  • 22:00 – USD: Discorso del membro del FOMC Dudley

Market mover venerdì 1 Aprile

  • 08:15 – EUR: Indice dei direttori agli acquisti del settore manifatturiero spagnolo (Marzo)
  • 08:45 – EUR: Indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero italiano (Marzo)
  • 08:50 – EUR: Indice PMI manifatturiero francesi (Marzo)
  • 08:55 – EUR: Indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero (Marzo)
  • 09:00 – EUR: asso mensile di disoccupazione italiano (Febbraio)
  • 09:00 – EUR: Indice PMI manifatturierio eurozona (Marzo)
  • 10:00 – EUR: Tasso di disoccupazione eurozona (Febbraio)
  • 13:30 – USD: Salario orario medio (mensile, Marzo)
  • 13:30 – USD: Media di ore settimanali (Marzo)
  • 13:30 – USD: Retribuzione statale (Marzo)
  • 13:30 – USD: Buste paga del settore manifatturierio (Marzo)
  • 13:30 – USD: Buste paga del settore non agricolo (Marzo)
  • 13:30 – USD: Tasso partecipazione (Marzo)
  • 13:30 – USD: Libri paga non agricoli privati (Marzo)
  • 13:30 – USD: Tasso disoccupazione (Marzo)
  • 14:45 – USD: Indice dei direttori agli acquisti del settore manifatturierio (Marzo)
  • 15:00 – USD: Spese per costruzioni edili (mensile, Febbraio)
  • 15:00 – USD: Indice ISM dell’occupazione manifatturiera (Marzo)
  • 15:00 – USD: Indice ISM dei nuovi ordini manifatturieri (Marzo)
  • 15:00 – USD: Indice ISM dei direttori agli acquisti del settore manifatturierio (Marzo)
  • 15:00 – USD: Indice ISM prezzi del settore manifatturierio (Marzo)
  • 15:00 – USD: Previsioni di inflazione a 5 anni del Michigan (Marzo)
  • 15:00 – USD: Sentimento d’aspettativa dei consumatori del Michigan (Marzo)
  • 15:00 – USD: Indice di fiducia del Michigan (Marzo)
  • 15:00 – USD: Indice Preliminare sentimetno dei consumatori Michigan (Marzo)
  • 15:00 – USD: Attese di inflazione in Michigan (Marzo)
  • 15:30 – USD: Rapporto ECRI settimanale annualizzato
  • 15:30 – USD: Indice settimanale ECRI
  • 18:00 – USD: Discorso del membro del FOMC Mester
  • 18:30 – USD: Vendita complessiva di camion (Marzo)
  • 18:30 – USD: Vendita nazionali di camion (Marzo)

Vai alla home per saperne di più sul Forex Trading online

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Lascia un commento

Non ci sono ancora commenti

Puoi essere il primo a iniziare la conversazione

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.