Analisi Forex, dagli USA i principali dati di agosto

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 04-09-2018 8:49

Negli Stati Uniti questa settimana sono in corso di pubblicazione tutti i principali dati macroeconomici risalenti al mese di agosto. Dunque, una volta superata la festività del Labor Day prevista per l’inizio della settimana, gli analisti dovrebbero iniziare a concentrarsi sui fondamentali, con una particolare attenzione per quel che avverrà venerdì prossimo, quando l’employment report dovrebbe mostrare ancora una volta una dinamica solida degli occupati, un calo del tasso di disoccupazione a 3,8% e salari in rialzo moderato.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Ancor prima, la pubblicazione degli indici ISM dovrebbe garantire il mantenimento di livelli ampiamente espansivi, coerenti con una crescita solida nel 3° trimestre. La spesa in costruzioni di luglio dovrebbe rimbalzare dopo il calo di giugno, senza tuttavia contribuire a modificare lo scenario debole per gli investimenti residenziali.

E per quanto concerne l’area euro? Nell’Eurozona la prima settimana di settembre ha in agenda i PMI di agosto (dato finale) e la prima tornata di dati di produzione industriale di luglio: per i dati nazionali, la produzione della Germania è attesa avanzare di 0,2% m/m, mentre dovrebbe crescere di 0,3% m/m in Francia e di 0,6% m/m in Spagna. Sempre a luglio, la spesa per consumi nell’Eurozona potrebbe essere rimasta circa stabile dopo lo 0,3% m/m di giugno.

Ancora, sempre in area euro la seconda lettura di agosto dovrebbe confermare che il PMI composito è rimasto quasi invariato nell’Eurozona a 54,4 punti contro precedenti 54,3 punti. Ancora prima, la pubblicazione dei dati sul manifatturiero dovrebbe confermarsi in calo a 54,6 punti da 55,1 punti precedenti.

Oltre ai dati, rimane inteso che i mercati valutari guarderanno con particolare attenzione alle notizie sui negoziati commerciali: ad incombere è soprattutto la minaccia di sanzioni americane su 200 miliardi di dollari di export cinese, mentre il negoziato con il Canada si è arenato.

Dovrebbe dunque complessivamente incrementare la volatilità percepita, con ripercussioni anche sulle divise dei Paesi avanzati, oltre che, di primo impatto, sulle valute emergenti. Unitamente alle attese tensioni connesse ai negoziati commerciali, lo scenario sopra delineato dovrebbe sostenere il dollaro e le valute safe haven. Il peggioramento dei dati cinesi può alimentare ulteriormente il clima di cautela.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC, Consob, CNMV, BaFin, KNF
Strumenti Intregrati
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.