Trading e relazione percettiva della posizione

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 09-10-2012 8:15

trading_blog_2La decisione di aprire una posizione è realizzata con i segnali rilasciati dai grafici e dall’analisi fondamentale, tuttavia spesso si presenta, in misura più o meno opportuna, un altro tipo di informazione che definirei tacita o conoscenza percettiva cioè basata sull’attività mentale di raccolta e integrazione dei dati reali.

 

Cercherò di spiegarmi con un esempio: non vi è mai capitato di pensare, “lo sapevo che a quel livello di prezzo avrei dovuto chiudere, oppure me lo sentivo che oggi avrei dovuto comprare….”. In questi pensieri si celano le nostre capacità di pensiero percettivo che possono dimostrarsi profittevoli qualora si riescano a cogliere e sfruttare.

 

Si tratta della conseguenza di un insieme di cognizioni accumulate nel tempo che spingono la mente ad una decisione che trascende gli aspetti tecnici contingenti. Decido di vendere o comprare anche se sembra sbagliato, ma lo faccio perchè la somma di notizie vissute antecedentemente conducono ad una scelta che risiede più nella memoria che non nella situazione concreta. Così, può succedere di guardare i grafici che  propendono per una discesa, ma la sensazione che si prova in quel momento è che la tendenza tornerà a salire.

 

Tale sensazione non nasce dalla fantasia o dall’istinto o peggio dal piacere per l’azzardo, ma da una somma di dati pregressi che possono condurre e convogliare, quasi naturalmente, in quel “benedetto” click sul mouse. Gli aspetti percettivi hanno grande potere nelle strategie finanziarie.
 
Per provare di cosa sto parlando provate per un giorno intero a stare davanti al monitor osservando attentamente un cambio o un indice azionario, provate a osservarli continuamente come ipnotizzati dalle oscillazioni, mettete da parte numeri, notizie e indicatori e verificate se esiste anche solo un momento, tutto vostro, nel quale sareste entrati sul mercato… 
 
L’esperimento, se così vogliamo definirlo, andrebbe fatto con soldi reali, perchè quando c’è di mezzo denaro vero le sensazioni trovano giustificazioni in una memoria più lunga, come insegnano i grandi traders ed analisti Hurst, Guppy o Ross….


Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.