Supporti e resistenze (parte 4/4)

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 08-10-2010 9:51

trading_blog_2Terminiamo questa settimana parlando del caso in cui siano le opzioni puts ad avere livelli interessanti di open interest.
Anche questo tipo di opzioni non aggiunge particolare convenienza se acquistate, é molto più profittevole comprare semplicemente la coppia Eur/usd.
Come per le opzioni calls, l’acquisto di puts comporterebbe un costo, indicato nella colonna ask della tabella delle opzioni e in più non aggiungerebbe flessibilità ad eventuali manovre correttive da parte degli istituzionali direttamente sul forex.
Ecco perchè é ragionevole supporre che nel caso in cui sostanziose unità di open interest sostino su livelli di strike situati sotto l’attuale quotazione del euro-dollaro, tali strike ci suggeriscono probabili supporti. La motivazione di questa affermazione risiede nel fatto che quando vendiamo opzioni puts abbiamo un profitto se la quotazione dell’eurodollaro rimane sopra il prezzo di vendita delle opzioni.

 

Per essere più chiaro: se vendo una put a 140(e poniamo che il bid sia pari 0,40)  io incasso un profitto se a scadenza delle opzioni il prezzo dell’ euro-dollaro  sta sopra 1,4040. Ecco perche copiose masse di open interest creano un supporto. Sono ancora una volta i large traders che difendono un determinato livello di prezzo sotto il quale il sottostante non deve andare, altrimenti a scadenza perderebbero ingenti masse di denaro.
Inoltre, gli istituzionali attraverso il forex hanno la possibilità di correggere una situazione di mercato sotto 1,4040, cioè comprerebbero euro per far risalire il prezzo. (ed i nostri amici di timingchart ce lo testimonierebbero)

Per un ultimo chiarimento prendiamo ad esempio la situazione del 07/10/2010 alle ore 18.00. Abbiamo 4897 unità allo strike 136, 6010 allo strike 137 e cominciano a crescere  anche gli open interest agli srike 138 e 139. Dalla lettura possiamo affermare che con molta probabilità gli istituzionali non vogliono che si scenda sotto 1,35/1,36 e forse sotto 1,37-1,38. Attenzione però perchè ci stiamo avvicinando alla scadenza delle opzioni che é il 15 Ottobre. In questi giorni i “furbacchioni” con molta probabilità sosterranno ancora per un pò l’ascesa dell’ euro ma in prossimità della scadenza, potrebbero shortare alla grande incassando il profitto dal forex e dalle opzioni.
In sostanza, gli istituzionali stanno usando le opzioni per sostenere la quotazione dell’ euro-dollaro poichè, considerato che fra una settimana scadono, non penso proprio che abbiano voglia di bruciare 10000 e più contratti situati sugli strike 135 ed 136. Considerate comunque che gli open interest cambiano quotidianamente e anche i volumi mutano rapidamente, ecco perche é importante la consultazione della tabella delle opzioni. In definitiva, questa tabella ed il software che la prossima settimana vi presenterò, ci indicano eventuali cambiamenti di open interest sui relativi strike e ci mostrano dove é situato il vero sbarramento dei prezzi sotto il quale o sopra il quale i potenti della finanza non vogliono che si vada.  Buon weekend a tutti.

 

Appuntamento a lunedì su forexguida.com

 

Vai alla home per saperne di più sul Forex Trading online

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

4 Comments so far

Jump into a conversation
  1. Stefano
    #1 Stefano 8 ottobre, 2010, 16:45

    Ok Vince, ora ho capito qualcosa in più. Considerando questo tipo di analisi, mi viene in mente una cosa….C’è nell’aria un decadimento della “vecchia analisi tecnica”…FiboGannElliotcandlestick…sembrano concetti di un passato ormai mutato, sia nella natura del mercato stesso che nella mente di chi vi opera. Nuovi concetti e nuovi metodi sembrano essere molto più “analitici” dei vecchi indicatori, delle medie mobili, dei cicli di Hurst oltre al fattore “trading automatico” che è usato sempre più, forse per l’emotività così elevata, che la frenesia di quest’epoca ha portato nei nostri caratteri consigliandoci inconsciamente di limitare al massimo la discrezionalità nel trading, forse per il tempo che non abbiamo, ma resta il fatto che per me stiamo entrando in una nuova era di trading le cui nozioni saranno sicuramente più consone alle nuove generazioni di traders. Tutto si evolve compreso il trading: Buon week end a tutti.

    Reply this comment
  2. Vincenzo Augello
    #2 Vincenzo Augello 8 ottobre, 2010, 17:56

    Bene Stefano sono contento che sta diventando tutto più chiaro.Non butar via pero candlestick e compagnia bella perchè a mio avviso sono strumenti integrativi fondamentali. A proposito vedrai quanto sarà interessante il software delle opzioni , conto di parlarne la settimana prossima…Ciao grazie dell’ intervento e passa un buon weekend, Ciao

    Reply this comment
  3. MARCO
    #3 MARCO 2 dicembre, 2010, 14:56

    Ciao a tutti, possimo prendere in considerazione la tabella di dicembre per capire meglio, con qualche esempio, grazie e buon trading

    Reply this comment
  4. Vincenzo Augello
    #4 Vincenzo Augello 2 dicembre, 2010, 15:22

    Ciao Marco, allora sul sito forexguida.com c’é im mio blog “Trading Blog” dove trovi tanto materiale esplicativo. Ogni giovedi inoltre faccio l’analisi del mercato sulla rubrica “Occhio alla tabella”, in cui le opzioni sono lo strumnento attraverso il quale prevediamo il trend.
    Ciao.

    Reply this comment

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.