Professionisti o scommettitori ?

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 18-10-2010 10:36
trading_blog_2L’atteggiamento nei confronti delle piattaforme di trading non può essere paragonato a quello di chi si dedica al gioco d’azzardo.
Il trader non potrebbe diventare una persona di successo se credesse di essere fortunato o approcciasse al trading come lo fa colui che siede ad un tavolo della roulette.

Queste affermazioni potrebbero apparire delle banalità, ma determinano la differenza tra un professionista abituato al profitto e lo scommettitore spesso perdente.
E’ determinante capire a quale categoria apparteniamo; se il nostro imprinting é quello dello scommettitore allora é preferibile comprarsi un “gratta e vinci”.

Al contrario, un professionista é una persona di successo ed ottenerlo nella vita non é casuale.
Egli é consapevole delle possibilità che oggi offre il mercato borsistico e trada in virtu delle sue conoscenze tecniche.
Se siamo coscienti del risultato che possiamo ottenere, rimarremo assolutamente orientati su di esso anche nei momenti meno felici. I momenti di mancato profitto o peggio di perdita possono essere i più importanti nel nostro percorso di apprendimento. In sostanza solo se inquadriamo il trading nella dimensione che merita, abbandonando i pregiudizi fondati sull’ignoranza, la nostra categoria potrà alimentarsi di tanti altri seri professionisti.

In caso contrario,contuineremo ad avere personaggi alla ribalta dei giornali che vantano operazioni milionarie ma con il saldo in negativo.
Penso che piccola parte di questa responsabilità sia da attribuire anche ai tantissimi brokers che con troppa incuranza continuano a pubblicizzare eccessive leve finanziarie  che depistano dalla realtà e alla lunga allontanano gran parte di chi tenta di avvicinarsi al trading.

Fintanto che non si farà una seria campagna educativa su cos’è il trading e chi é un trader professionista,

anche i brokers  vedranno ridotte le loro “maestranze”.

Appuntamento a domani su forexguida.com

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Lascia un commento

  1. Francesco
    #1 Francesco 18 ottobre, 2010, 12:50

    Vincenzo, concordo pienanmente con questo tuo pensiero.
    Seguo il forex da poco, circa 6 mesi, e per ogni mossa che faccio cerco di motivare le mie scelte con quello che ho imparato proprio per evitare di giocare d’azzardo.
    Il trading mi piace, cerco di studiare il più possibile, e sarebbe magnifico un giorno potermi definire un vero professionista, so che devo fare tanta strada ma sono fiducioso.
    Purtroppo trader professionisti come te, disposti a far crescere chi ancora non lo è, si contano forse sulle dita di una mano.
    Bisogna cercarli e molti non lo fanno e preferiscono leggersi qua e la la storia del forex a portata di tutti e buttarsi alla ricerca del broker che offre più leva e maggiori bonus.
    Per fortuna ho capito in tempo che i broker validi devono avere altre caratteristiche. 🙂

    Reply this comment
  2. Vincenzo Augello
    #2 Vincenzo Augello 18 ottobre, 2010, 13:37

    Grazie infinite Francesco: il concetto che sto cercando di portare avanti penso che sia semplice..se consideriamo che eur/usd compie mediamente 140 pips/ticks di oscillazione giornaliera..ma mi dici come la gente possa continuare ad usare leve 1:100 ???? E’ assurdo , allora andiamo al casinò…La leva bassa anzi bassissima correlata ad un capitale sufficientemente idoneo può creare la nostra personalissima IMPRESA..Voglio solo aggiungere una considerazione : ma non sarebbe conveniente anche per i brockers che guadagnano pure dagli spread avere una schiera di persone preparate che portano copiose percentuali di guadagno al loro capitale…? Ciao Francesco grazie per il tuo intervento e vai avanti con lo studio vedrai che presto anche tu avrai la tua “impresa”.

    Reply this comment
  3. Stefano
    #3 Stefano 18 ottobre, 2010, 13:39

    Ciao Vincenzo,
    Dunque…trading o scommesse?….La domanda non è banale, ma è saggia. Perchè l’85% dei neo-trader perde? I fattori non sono solo da attribuire alla leva che se hai disciplina e conoscenza la usi a tuo favore, ma la questione primaria è proprio l’approccio al trading stile tavolo da casinò, l’azzardo, l’incoscienza, la mancanza di una conoscenza nell’ambito del contesto in cui si stà operando, le pubblicità dei broker sono nate da un marketing che lavora sulla mente di chi non sà ma che vuole…soldi facili…tanti senza faticare.. giocano d’astuzia, il mercato è grande c’è sempre un ciclo di rinnovo. Purtroppo il trading oltre agli aspetti psicologici è un lavoro vero e proprio se decidi di trarne profitti costantemente, implica studio, conoscenza e pratica,tutte condizioni che le persone non hanno se non per obbligo di farlo e allora….si perde!!!

    Reply this comment
  4. Vincenzo Augello
    #4 Vincenzo Augello 18 ottobre, 2010, 13:47

    Ciao Stefano, hai sintetizzato in maniera meravigliosa, complimenti davvero..si é cosi, d’altra parte i soldi facili credo proprio non siano mai esistiti.
    Grazie del tuo splendido intervento, Ciao.

    Reply this comment
  5. Stefano
    #5 Stefano 18 ottobre, 2010, 13:55

    E’ un piacere Vincenzo commentare i tuoi post. Avere persone serie e competenti con cui scambiare opinioni fà solo bene allo spirito.

    Reply this comment

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.