Gli errori da non dimenticare..

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 09-04-2013 8:04

Tutte le strategie anche quelle più blasonate e sperimentate possono presentare risultati parziali, che disattendono le aspettative di profitto per periodi determinati. Nessun trader ha il dono della chiaroveggenza, e anche se la preparazione é profonda e curata nel tempo prima o poi un errore si commette.
 
L’emotività si rivela il fattore che rende a volte difficile l’operatività di tanti, soprattutto nel breve periodo, generando momenti di profitti limitati o quasi nulli. Nel 90% dei casi l’appetito per l’istinto può indebolire anche un metodo collaudato come quello struttutato sugli strumenti derivati che ritengo valido ed estremamente affidabile per commerciare cambi valutari.

 

I demoni generalmente si ripetono e restano praticamente i medesimi, come la voglia di recuperare prima del necessario o la presunzione dettata da perduranti stagioni di guadagni. Sono situazioni che inevitabilmente intaccano il rendimento finale che, se fossero state considerate con più ragionevolezza, potevano essere evitate o quantomeno eluse.

 

Per durare sui mercati finanziari é opportuno soffermarsi sulle singole circostanze che hanno indotto in errore, perchè riconoscerle in anticipo permette di ridurre sensibilmente il rischio di deprimere il rendimento finale degli scambi.

 

Entrando nel particolare ho constatato che talvolta l’ego ha la meglio, e si posizionano le transazioni in trend per inerzia, sull’onda dei precedenti profitti, senza analizzare a dovere le movimentazioni dei titoli di opzione dei mesi successivi.

 

Il presupposto che un trend primario, individuato mediante l’analisi dei futures al CME di Chicago, traccia la via maestra delle quotazioni, che tuttavia può comunque subire ampie pause prima di giungere al bersaglio, ha generato lunghe rincorse compensatorie di scelte troppo frettolose in cui si é pensato di aver capito già molto sul futuro del prezzo.

 

Di conseguenza possono decidersi periodi di riposo dopo la scadenza della catena in corso, per tornare sul mercato quando il titolo e il sottostante sulla nuova chain mostrano un sentiment sufficientemente chiaro. 

 

Ho descritto questa sorta di aneddoto perchè riassume un mio precedente punto debole, ed é importante offrire del tempo ad una regolare autoanalisi che consenta di modulare la frenesia delle operazioni per non regalarle alla controparte.

 

E’ sconveniente nascondere gli errori, e accettandoli dopo averli compresi può essere la base di soddisfazioni successive e di guadagni più consistenti.

 

Appuntamento a giovedì su trading blog


Vai alla home per saperne di più sul Forex Trading online

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Lascia un commento

  1. marino
    #1 marino 9 aprile, 2013, 13:32

    ciao vincenzo! volevo chiederti se si puo avere qualche esempio di strategia di accumulazione (short in questo caso visto che siamo oltre130 dove dovrebbero esserci call incassate ben 8407!!!ad esempio se un trader vorrebbe mettere 10 lotti short tu come gestiresti il posizionamento?preferiresti mettere tutti e 10 short alla rottura del minimo orari in area 130 circa o cominceresti magari ad anticipare il mercato ad esempio shortando gia da adesso che i prezzi sono sopra al punto 130 dove sono state incassate le call? –non sto chiedendo un indicazione di trade ma vorrei capire un coccetto piu ampio che e quello del posizionamento dei lotti quando ci si avvicina in zone cariche di contratti–

    grazie

    Reply this comment
  2. Vincenzo
    #2 Vincenzo 9 aprile, 2013, 14:10

    Ciao Marino,

    Se l’andamento dei prezzi mi suggerisse che vendere sia l’intenzione dominante attuale del mercato entrerei per gradi sui valori di ipercomprato, dunque a partire da 1.30-1.31 piazzerei i lotti anche perchè non simpatizzando per le operazioni hedging.

    Il problema é che a me questo non appare necessariamente un mercato orso, quantomeno il fatto che sul future di Eur/Usd la tendenza a breve sia short non mi spinge con così tanta sicurezza ad affidarmi alla vendita per sintonizzarmi con la strategia di mercato.

    Pertanto la 130 non necessariamente é incassata, potrebbe essere stata piazzata long, in previsione di futuri apprezzamenti, altrimenti salvo l’ennesima bull trap non mi spiego i rialzi di questi ultimi giorni, il dubbio comunque lo risolveranno al più presto le sessioni successive.

    In sostegno dell’ipotesi rialzista osservo call in the money a maggio.

    Ciao e grazie mille per la considerazione

    Reply this comment
  3. marino
    #3 marino 10 aprile, 2013, 07:21

    vincenzo buongiorno!
    mi sono intestardito short contro trend dando fiducia alle call 130 ma ho incassato tre loss di fila!!purtroppo ogni trader e come un calciatore ha le sue qualita e i suoi difetti!!questo e un mio difetto da correggere!!

    volevo chiederti sto osservando il poc sul 6E a 30 minuti e si nota che da 128,55 dove e situato e dove ci sonola maggior parte dei volumi il movimento al rialzo che e partito non ha creato un nuovo poc!!poi da area 129 circa in su i volumi orizzontali sono bassi per ogni livello di prezzo tranne un leggero aumento in area 1,3020 circa!!
    come interpreta questi dati un trader esperto? si puo dare una lettura previsionale a questi dati?
    grazie vincenzo e buon lavoro 🙂

    Reply this comment
  4. marino
    #4 marino 10 aprile, 2013, 07:40

    ecco vincenzo!!ho letto bene adesso il tuo art.gli errori da non dimenticare ed e pieno di verita e di consigli importanti che un aspirante trader deve saper cogliere!!forse durante questa chian il mercato e un po contrariato ed e difficile operare!!dovevo stare fermo fuori dal mercato invece di intestardirmi e magari aspettare segnali piu chiari!!grazie per i tuoi preziosi consigli

    Reply this comment
  5. Vincenzo
    #5 Vincenzo 10 aprile, 2013, 07:49

    Buongiorno Marino,

    dunque, 1.2855 e 1.3020 sono stati livelli di prezzo dove si é scambiato di più,
    soprattutto a 1.2855. Un nuovo point of controll non é stato ancora elaborato dal sofware TOS probabilmente perche l’ascesa dei prezzi é continua e sufficientemente rapida, percui non si indivua al momento una quotazione condivisa dalla maggior parte degli oeratori. Ciò lascerebbe intuire la continauzione del trend rialzista e le call ITM di cui ti accennavo ieri potrebbero confermarlo , se effettivamente comprate.

    Laddove i volumi sono poco consistenti il prezzo non é stato soggetto a contrattazioni apprezzabili ma é continuato a muoversi in trend sostenuto dai compratori non trovando particolari opposizioni da parte dei sellers..

    Ciao Marino a presto

    Reply this comment

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.