Esperio: Il rimbalzo delle azioni potrebbe prefigurare una tempesta in arrivo

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 18-08-2022 12:36

L’indice di mercato S&P 500 ha toccato per la prima volta nelle ultime 15 settimane l’importante traguardo di 4.300 punti. Sembra che questa ripresa del mercato azionario stia procedendo con facilità dopo che il 77,6% delle 456 società incluse nell’S&P 500 ha superato le aspettative di consenso degli analisti dopo aver rilevato i loro guadagni del secondo trimestre, secondo Refinitiv. Il campo allarmista si è affievolito, almeno per un po’, a causa del picco nominale dell’inflazione nell’economia degli Stati Uniti, che inaspettatamente è scesa all’8,5%, ma ancor più sorprendente è il fatto che è scesa di ben l’1,5% in termini di prezzi alla produzione, dall’11,3% al 9,8% in un mese.

Il calo dei prezzi alla produzione riduce la pressione sui costi di produzione, eliminando anche i timori di un presunto movimento troppo rapido e brusco dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve (Fed) previsto nella sua prossima riunione del 20-21 settembre. Tuttavia, un altro dato sull’occupazione e sull’inflazione verrà rilasciato prima di quel momento, con la possibilità di rovinare la parte rialzista in un momento in cui la maggior parte degli investitori ne avrà meno bisogno, commenta Alex Boltyan, l’analista di Esperio.

Un atterraggio morbido degli Stati Uniti e dell’economia globale, senza mettere in gioco più le decisioni della Fed, sarebbe una giusta ragione per un ulteriore rimbalzo del mercato, eppure è difficile da ipotizzare considerando che la maggior parte della comunità degli investitori crede ad una recessione imminente. Allora, qual è il segreto dell’attuale rimbalzo di successo del mercato? Osservando più da vicino i rendimenti dei Buoni del Tesoro, essi stanno chiudendo al 2,8% contro il massimo di quasi il 3,5% di metà giugno, è qui che il problema.

Il controllo dell’inflazione ha creato alcuni effetti collaterali sulle attività finanziarie, tra cui una minore domanda di oro e minori aspettative sui rendimenti obbligazionari. Se le banche centrali potessero aumentare i tassi di interesse in modo più rilassato, anche le previsioni più basse a medio termine per i tassi di interesse potrebbero avere un impatto negativo sulla redditività di tutte le attività a reddito garantito. Di solito, una diminuzione sistematica dei rendimenti obbligazionari segnala un aumento della domanda di beni rifugio nel periodo che precede una crisi. Tuttavia, a un certo punto, convinti che la crisi è in arrivo, con i rendimenti obbligazionari molto bassi, essi potrebbero alienare alcuni investitori da questa forma di protezione degli investimenti.

Con questo scenario sullo sfondo, la prossima mossa che dovrà fare la folla degli investitori e i grandi fondi, pur mantenendo all’incirca lo stesso livello di domanda di “dispositivi di protezione” da investimento, sarà semplicemente quella di rivolgere gli occhi ad altri tipi di (quasi sicuri) strumenti rifugio come tecnologie giganti o altri mega cap. Nella scelta tra opzioni corporate, con report trimestrali più o meno ottimistici, così come le società a rendicontazione neutrale del segmento consumer di classe economica, molti investitori tendono a modificare consapevolmente la struttura dei loro portafogli di attività per correggerli a favore di un ampio affare di azioni come parziale contrappeso a obbligazioni a basso reddito sempre meno gradite. Anche alcuni titoli in crescita potrebbero trarne vantaggio, a condizione almeno che le previsioni dei propri CEO per il resto dell’anno siano sufficientemente buone.

Questo non è lo standard, né il meccanismo più comune, ma ora è apparentemente il motore principale dell’attuale rimbalzo. Di solito, è più probabile che gli stock vengano visti come un’area di profughi nelle ultime fasi di una crisi, quando l’economia inizia a riprendersi, così che si potrebbe vedere un po’ di luce alla fine del tunnel. Gli analisti di Esperio suggeriscono che l’attuale crescita degli indici azionari potrebbe difficilmente indicare una rivalutazione positiva dei rischi di recessione, quindi gli investitori sono in realtà ancora concentrati sulla ricerca di asset di copertura dall’imminente tempesta e si stanno solo preparando per ulteriori scenari.

Segui le notizie dai mercati finanziari con Esperio 

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.