Chi é il broker

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 19-10-2010 8:41

trading_blog_2Quando arriva il momento in cui si inizia a guadagnare più soldi di quelli che avevamo messo in preventivo comprendiamo che abbiamo imparato una professione.
Tuttavia molti tralasciano di conoscere e prendere in considerazione il Broker.

 

Esso  é il nostro “datore di lavoro”, é colui che si occupa di “piazzare” le nostre posizioni sul mercato. Si stima che ci siano almeno 400 banche che fanno da market maker o broker in tutto il mondo. I migliori brokers o market  makers garantiscono una istantanea ed accurata esecuzione dell’operazione evitando o minimizzando il rischio di slippage.

(Differenza di numero di di ticks fra il prezzo al quale si voleva che l’ordine fosse eseguito rispetto a quello effettivamente eseguito).

 

I brokers guadagnano applicandoci una commissione (spread) e spesso, sono la  nostra controparte. Il capitale dei brokers é formato per lo più dai conti di tutti i traders.

Dal momento che molti traders subiscono delle perdite, il broker tende a prendersi il rischio

della controparte, ovvero, quando  compriamo, lui direttamente ci vende la posizione, e viceversa.

 

In questa maniera se chiudiamo una posizione in perdita, il broker la incasserà oltre allo  spread. D’altra parte non a caso i brokers evitano di essere controparte dei traders di successo, ma lo rimangono di qualche altro trader..I brokers possono essere italiani o stranieri.

 

Qualora doveste aprire un conto con un broker italiano i soldi saranno depositati presso una banca italiana. Nel caso di un broker estero , i soldi saranno depositati presso una banca estera. A volte i brokers esteri hanno offerte migliori rispetto agli italiani e spesso richiedono un importo inferiore come deposito minimo.

 

Per questi motivi la scelta del broker é molto importante: esso sarà l’affidatario dei nostri soldi. Le domande principali che dovete fare al vostro broker sono: in che luogo vengono depositati i soldi, a quanto ammonta lo spread sui singoli cross,la lingua adottata, le modalità di prelievo e di versamento, i documenti necessari, la disponibilità di una piattaforma demo per le operazioni simulate, necessaria per il nostro “addestramento”.

 

Appuntamento a domani su forexguida.com

Vai alla home per saperne di più sul Forex Trading online

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Lascia un commento

  1. Stefano
    #1 Stefano 19 ottobre, 2010, 15:48

    Considerando l’esplosione dei Broker negli ultimi due anni (non intesa come “scoppio” ma come notevole incremento del numero) mi viene da pensare che i guadagni siano molti di più di quanto mi possa immaginare…tra spread..slippage.. enorme numero di trader perdenti commissioni sull’eseguito nell’azionario e via dicendo altro che trading!!!!!
    Questo ci dovrebbe far capire una cosa principalmente, la scelta del nostro Broker è più che importante direi che potrebbe portare, in caso di piccoli conti, alla differenza tra la continuità e la disfatta.
    Giusto il concetto di aprire un conto reale ma continuare a fare demo sperimentando sempre nuove tecniche o affinando le proprie.
    Ciao

    Reply this comment
  2. Antonio
    #2 Antonio 19 ottobre, 2010, 18:12

    Ciao stefano,

    Ottima osservazione la tua! Sono d’accordo, io ho provato molti broker, tutti quelli coj cui siamo affiliati diciamo e ti dico, le differenze si vedono, soprattutto a seconda del livello a cui uno opera.
    Per u beginner e’meglio un broker piu’ basico, chi predilige il metatrader, chi piattaforme java o per mobile. Insomma non esiste un broker migliore in assoluto, ma un broker migliore per il livello del trader o per il tipo di connettivita’.
    Concordate?

    E poi ci vuole un po’ di fortuna!!! 🙂

    Reply this comment
  3. Francesco
    #3 Francesco 20 ottobre, 2010, 12:34

    In questo momento, dato che sono pochi mesi che faccio trading, non riuscirei a vedermi alle prese con una piattaforma diversa dalla MT4, però per quello che ho sentito in giro, un broker che ha una sua piattaforma esclusiva e personalizzata dovrebbe aver qualche credito in più a livello di garanzia di serietà.
    Poi non c’è dubbio che la fartuna non deve mai mancare 😉

    Reply this comment

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.