Anatomia dei miti del trading

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 14-02-2013 15:30

I traders di grande successo condividono caratteristiche comuni. Di fatto il mercato finanziario, oltre ai milioni di investitori privati, enumera una variegata moltitudine di soggetti economici pubblici, e grazie agli studi e alle osservazioni statistiche di organismi di settore é stato possibile individuare alcuni tratti tipici di coloro cha hanno reso il trading celebre e famoso.

 

Personaggi della portata di Joe Ross, Jeff Cooper, Gary Biefeld o dell’epico William Gann, che comprendono solo una piccolissima parte di traders noti ai media e alla finanza mondiale, rispondono a parametri simili sotto il profilo comportamentale e psicologico.

 

Questi protagonosti assoluti della speculazione possiedono un talento naturale e tutti sono stati segnati da un percorso formativo niente affatto privo di difficoltà. Tuttavia, il desiderio di indipendenza e autoaffermazione, a cui si é aggiunnta una spiccata propensione al rischio, li ha sostenuti nei momenti in cui era necessario prendere decisioni difficili in tempi rapidi.

 

Dunque, un primo importante connotato é quello della capacità di elaborare alla svelta ed in modo fermo scelte comunque ben ponderate. Ogni loro determinazione, per quanto celere, é frutto di un’analisi. I traders che sono entrati nella storia riescono prima di altri a risollevarsi dalle sconfitte, dalle delusioni, dalle amarezze inevitabili dell’esperienza umana, distaccandosi soprattutto da ogni evento economico negativo.

 

Per quanto in Borsa non siano isolati casi di rapidi arricchimenti, i traders di successo sono infaticabili professionisti e studiosi, e analizzano le dinamiche del mercato con passione, spinti da un’energia non di rado maniacale, talvolta foriera di teorie che hanno trasformato l’economia nel mondo.

 

Auto motivati, sono perfettamente consapevoli che per guadagnare un milione di Euro, non si deve affatto essere disposti a perderlo, perchè la decisione di fare questo mestiere nasce dalla assoluta coscienza che le opportunità offerte dal commercio di titoli,azioni commodity e valute, sono il risultato di logica e tecnica.

 

E’ indubbio che tutte siano persone molto intelligenti e perspicaci, ma un gestore di fondi é anche un individuo dotato di una fortissima sicurezza in se stesso e nelle proprie idee, disciplinato e automatizzato a livello di un software, senza manie di grandezza,  rischia perchè sa di poter vincere senza mai sbilanciarsi o esaltarsi.

 

In conclusione una nota la merita sicuramente Gary Biefeld, un grande operatore che iniziò la sua carriera con soli 1000$, speculando sui prezzi della soia una trentina di anni fa. Biefeld afferma che  la diversificazione degli strumenti finanziari non ha senso, o quantomeno può essere un limite, ma è opportuno operare sui mercati dopo che si è approfondito molti aspetti, perchè infiniti altri ne emergeranno.

 

I traders celebri hanno tutti una grande preparazione anche se molti come Biefeld hanno preferito specializzarsi su un singolo settore. Bel (cosi é soprannominato Biefeld dalle multinazionali americane) é riuscito a competere con le grandi istituzioni di Wall Street partendo dal niente…

 

Appuntamento a lunedì su trading blog


Vai alla home per saperne di più sul Forex Trading online

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Lascia un commento

  1. marino
    #1 marino 18 febbraio, 2013, 08:54

    vincenzo buon giorno!!!visti i contratti sui livelli 133,132,131 potremmo essere su un supporto?
    ci sono volumi importanti di put su 125(e’ un po lontano) ma si notano dei volumi di circa 1000 contratti sui livelli 133,132,131!!!se questi volumi svuotano gli interest(133,132,131)per riempire 125, potrebbe continuare il trend ribassista in corso dal 1 febbraio( grafico 4ore)?
    grazie
    p.s.da tuo fedele lettore attendo ancora un video!!! 😆
    grazie buon lavoro
    marino

    Reply this comment
  2. Vincenzo
    #2 Vincenzo 18 febbraio, 2013, 10:39

    Ciao Marino, 133.132.131 sono quasi certamente supporti la 125 l’ho vista ma al momento sifnifica poco o niente, prima di supporre un robusto ritorno delle vendite io aspetterei l’evolversi della catena di marzo che é appena entrata in esercizio…Con i primi movimenti del pomeriggio con l’apertura dei mercati americani si potrà iniziare ad avere qualche prima indicazione.

    Per i video marino anche io come te attendo l’ok dalla redazione in autonomia non posso decidere nulla comunque vedrai che presto con lo staff decideremo tema e tempi…Ciao buon trading

    Reply this comment

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.