Strumenti Finanziari – Prima Parte

Pubblicato da Luca M -
forex4Per investire in modo redditizio il proprio denaro è necessario conoscere gli strumenti finanziari presenti sul mercato e i criteri di valutazione sottesi ad ognuno di essi. Solo in questo modo è possibile scegliere l’investimento che si avvicini il più possibile, in termini di rischio e rendimento, al nostro profilo di investitore (prudente o aggressivo).

In generale, esistono tre grandi categorie di strumenti finanziari:
a reddito fisso: che fanno sorgere un rapporto di debito tra l’emittente e l’investitore. La denominazione è legata al fatto che la remunerazione (in termini di interessi corrisposti) spettante all’investitore, è stabilita in anticipo ed è fissa, cioè slegata dall’andamento della gestione dell’emittente. Questa categoria comprende principalmente i titoli di Stato e le obbligazioni societarie;

a reddito variabile: che rappresentano un rapporto partecipativo al capitale di pieno rischio di una società (azione societaria) e sono così definiti in quanto la remunerazione (espressa dai dividendi) è “ancorata” al buono o cattivo andamento della gestione  della società emittente;

derivati:  con i quali è possibile compiere operazioni speculative o di copertura su rischi derivanti da altri strumenti finanziari e che sono rappresentati da futures, opzioni, swap, etc.

Iniziamo facendo qualche considerazione sui titoli di Stato, notoriamente cari agli italiani. Essi rappresentano la scelta tipica dell’investitore molto prudente che è disposto a conseguire un rendimento molto basso (spesso anche inferiore al tasso di inflazione), pur di non correre rischi sul rimborso del capitale investito.

Infatti, i titoli di debito emessi dagli Stati vengono considerati a rischio di default pari a zero (supponendo quindi la certezza del rimborso), anche se tale affermazione deve essere valutata in modo critico, soprattutto quando i titoli sono emessi da Paesi con conti pubblici “disastrati” (vedi in passato l’Argentina ed oggi la Grecia). Con riferimento ai titoli emessi dalla Grecia, negli scorsi giorni, il livello del rischio di insolvenza (espresso dal rating) è stato aumentato notevolmente, quindi, nonostante il rendimento molto alto (7% per i titoli decennali), è da valutare attentamente la scelta di acquistare tali titoli. Per quanto concerne i titoli di Stato italiani, attualmente offrono un rendimento netto che va dallo 0,37% dei Bot a 3 mesi ai 4,21% dei BTP a 30 anni.

Esistono diverse tipologie di titoli di Stato, differenziate per durata e modalità di remunerazione. Nella realtà italiana si può distinguere tra:

buoni ordinari del tesoro (BOT) e certificati del tesoro zero-coupon (CTZ): i primi possono avere scadenza a 3/6/12 mesi, mentre i secondi a 24 mesi. Entrambi si caratterizzano per non prevedere l’erogazione di cedole (per questo si dicono “zero-coupon”), il rendimento è compreso nella differenza tra prezzo di emissione e di rimborso;

buoni del tesoro poliennali (BTP): con scadenze a 3/5/10/15/30 anni, i quali prevedono la corresponsione di cedole d’interesse semestrali ad un tasso di interesse fisso predeterminato;

certificati di credito del tesoro (CTZ): con scadenza a 7 anni, con un tasso di interesse variabile semestralmente secondo l’andamento del rendimento dei BOT.

Mirco Gazzera

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.forexguida.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.