Perché i fondi paese sono così rischiosi (2/2)

Pubblicato da Luca M -
fondi_paesi_emergenti
Problemi in grande stile
I problemi interni ai paesi economicamente in forte sviluppo possono essere veramente allarmanti rispetto a quelli che possono avvenire in un paese del G7 come gli Stati Uniti. Negli Stati Uniti, la gente teme l’aumento della disoccupazione, le oscillazioni possono essere del 5%, e in paesi come la Germania, il 10% max. Ad esempio in Sud Africa, nonostante il boom economico, circa il 25% della popolazione resta disoccupata. Se c’è un vero e proprio shock del sistema, i mercati azionari possono diventare rapidamente ribassisti.
I paesi in via di sviluppo spesso hanno enormi deficit sulle loro bilance commerciali e sono fortemente indebitati. Questo riguarda paesi enormi come gli US, ma la situazione è ben diversa. Gli Stati Uniti sono fondamentalmente stabili mentre i Paesi emergenti non lo sono.
Inoltre, gli investitori intelligenti sono a conoscenza di tutti questi problemi, e sono quindi molto veloci a vendere le loro partecipazioni in paesi emergenti non appena le cose cominciano ad apparire anche vagamente ”dodgy”. Un manager con Julius Bar, una società bancaria svizzera a New York, ha osservato che in queste situazioni “la gente vende velocemente e poi si fa le domande.” Questo può portare al panico del mercato e ad una vendita massiva con un crollo notevole.
Culture Shock
Inoltre, le forme di investimento nei fondi in questi paesi emergenti sono estremamente vari. Non sono solo i paesi che differiscono nella sostanza, ma anche il modo in cui il denaro viene investito e gestito. Gli investitori devono guardare con particolare attenzione alla natura specifica dei fondi in questione. Quelli con meno esperienza e competenza possono fare affidamento sui broker e sulle informazioni bancarie.
Il lato positivo
Come tradizionalmente noto, questi mercati non sono correlati con investimenti americani ed europei. Pertanto, è altamente consigliabile e anche necessario avere un importo ragionevole nel vostro portafoglio dedicato a questa tipologia. Dal 10% al 5% è probabilmente la soglia ragionevole. Questo tipo di proporzione dovrebbe infatti abbassare la volatilità complessiva di un fondo USA / portfolio dell’Europa occidentale.
I rischi sono ridotti al minimo con l’acquisto di certificati e fondi, piuttosto che azioni individuali. Se si desidera che questi ultimi, probabilmente è meglio puntare sulle blue chip (le società ad alta capitalizzazione azionaria). Inoltre, le azioni non solo, ma anche le obbligazioni possono essere acquistate con  ottimi profitti. Obbligazioni dei mercati emergenti, in piccole dosi, possono anche vivacizzare e diversificare un portafoglio.
Infine, questi investimenti devono essere monitorati con particolare attenzione e con i limiti fissati, nel caso le cose vanno male (stop loss ben fissati e decisi). In tal modo, è possibile limitare e controllare i rischi.
Conclusione: Quindi vale davvero la pena investire in fondi Paese?
Sono un investimento utile se fatto con moderazione. Tali investimenti, per tutte le ragioni sopra esposte, non sono per il avversi al rischio. Cioè, sono i tipici investimenti per chi può permettersi di perdere. E non abbiate paura di vendere, mentre il titolo è buona, e prendere il profitto come è. I crolli sono spesso inaspettati e oltretutto, mentre su titoli stabili e radicati non è mai bene vendere in trend positivo, per titoli così volatili può essere saggio.
Chiaramente, i fondi dei paesi offrono sia rischi elevati che rendimenti elevati. Non c’è nulla di necessariamente sbagliato in questo, ma l’equilibrio tra i due deve essere giusto. D’altra parte, la diversificazione è una delle garanzie più importanti del processo di investimento. Mentre un importo ragionevole in ogni portafoglio deve essere investito al di fuori degli Stati Uniti o dell’Europa, si ha la necessità di gestirlo con piena conoscenza e consapevolezza di come tali attività siano differenti da quelli di casa.


Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.forexguida.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.