Ma cos’è il PIL?

Pubblicato da Luca M -
pilDef. : il PIL viene definito come il valore di tutti i beni e servizi finali prodotti da un Paese, in un dato periodo di tempo, che tipicamente coincide con l’anno solare.

Es. Se un’azienda riuscisse a produrre una quantità di output pari a 100 all’anno N e, di questa però, riuscisse a venderne solo 90, ai fini del calcolo del PIL il dato rilevante sarà 100. Se all’anno N+1, dovesse riuscire a vendere le scorte (10) relative quindi all’anno N, queste dovranno non dovranno essere conteggiate nel computo dell’anno N+1.

Per quanto riguarda le modalità di calcolo

PIL = prezzo prodotti (nell’anno di riferimento) x quantità dei prodotti realizzati e venduti durante il medesimo anno

N.B. Per calcolarlo, verranno quindi utilizzati i dati relativi ai conti economici aziendali, reperibili presso varie fonti.

Ma il PIL ha la particolarità di prendere in esame, contemporaneamente, altre grandezze che sono la sommatoria dei compensi derivanti dai due principali fattori produttivi: capitale e lavoro. Quindi sarebbe più corretto intendere il PIL come l’insieme di due flussi, da un lato un flusso di tipo reale (relativo alla produzione e vendita di beni e servizi); dall’altro un flusso di tipo monetario. In modo particolare quest’ultimo, viene riconosciuto dalle imprese come compenso ai fattori produttivi  che hanno contribuito a raggiungere il risultato produttivo e quindi questi saranno per esempio, redditi da lavoro dipendente, redditi da interessi sul capitale preso a prestito, dividendi, etc.
Relativamente alla situazione italiana, l’andamento del PIL dell’anno 2010 non ha raggiunto livelli eclatanti ma è sicuramente andato oltre le aspettative, infatti è cresciuto del 1,3%. Ma in realtà cosa significa questo dato? La cosa che è bene sottolineare, è che interessante notare come questo aumento debba essere imputato, nella realtà e nella pratica, ad un aumento degli output prodotti e venduti e non ad una aumento nei prezzi dei beni medesimi. Quindi quando si confrontano i PIL relativi a due anni (per esempio il 2009 sul 2010), bisognerebbe sprimere questi dati in termini relativi, cioè al netto dell’effetto dell’inflazione (fenomeno responsabile dell’aumento dei prezzi). Per trovare quindi il dato dell’inflazione occorrerà calcolarla nel seguente modo:

INFLAZIONE:  (output 2010) / (prezzo 2009)

Quindi, quando sentiamo parlare di PIL, senza ulteriore specificazione è sott’inteso che si tratta di tasso di crescita del PIL reale, ossia al netto della componente inflazionistica. Si può quindi parlare di due PIL:

•    PIL reale: considera la variazione del PIL da un anno all’altro tenendo fermi i prezzi dell’anno di riferimento e considerando solo la quantità prodotta
•    PIL nominale: considera sia la variazione dei prezzi che delle quantità

Daniele Bonini


Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.forexguida.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.