L’UNIONE MONETARIA EUROPEA

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 04-04-2012 0:00
unione_monetaria_europeaL’Unione Monetaria Europea è un sotto insieme di 17 Paesi rispetto ai 27 che compongono l’Unione Europea. La caratteristica fondamentale dell’avere una moneta unica è che il Paese che aderisce rinuncia alla propria sovranità monetaria. Ma per partecipare all’UEM, non vuol dire che lo Stato non debba più emettere valuta, ma la semplicemente la emette sotto autorizzazione della Banca Centrale Europea. Perdita della sovranità monetaria vuol anche dire che il Paese in questione rinuncia a determinare ai tassi di interesse, che vengono ancora una volta decisi  dalla BCE; il tasso diventa quindi unico all’interno dell’unione e nel momento in cui la BCE decide una certa manovra sui tassi, dovrà determinare un valore medio che si adatti a tutti i Paesi, pur non essendo adatto magari per un singolo Paese.
Ma la cosa più importante è che all’interno dell’UEM, il singolo Paese non può più modificare il proprio tasso di cambio e non rivalutare o svalutare la propria moneta. Il Paese che entra accetta il cambio di 1:1 con tutti i Paesi che ne fanno parte. Ma è così importante per una nazione non poter modificare più il cambio della propria moneta? Assolutamente sì! Facciamo riferimento alla storia dell’Italia quando nel 1970 per comprare un marco tedesco occorrevano 172 lire; alla fine degli ’90 per comprare un marco tedesco occorrevano 1000 lire. Quindi perché la lira si è svalutata così tanto rispetto al marco? Per una serie di ragioni sicuramente, ma la più importante è da ricercare nella diversa intensità dell’inflazione italiana rispetto a quella tedesca. Dunque, come mai si è verificata la necessità di aumentare il cambio lira/marco tedesco? Perché tra il periodo ’70 – ’90, se andiamo a vedere il tasso di crescita dell’indice dei prezzi in Italia ed in Germania, i prezzi in Italia sono saliti di più rispetto a quelli tedeschi. Quindi la domanda sorge quanto mai spontanea, qual è la correlazione quindi tra cambi ed inflazione? Come si comporteranno quindi i consumatori italiani? In un mercato aperto come il nostro, gli acquirenti italiani preferiranno sempre di più comprare prodotti in Germania ed al contrario nessun tedesco vorrà chiaramente comprare prodotti italiani. La logica conseguenza è che le aziende producono meno, perdendo quindi competitività. Quindi un Paese che ha sistematicamente un’inflazione più elevata rispetto ad un altro, deve assolutamente correre ai ripari; e per l’Italia questo correre ai ripari si è tradotto nella svalutazione della lira. Ovviamente, il consumatore italiano troverà i prodotti italiani meno cari rispetto a quelli tedeschi; ma allo stesso modo i tedeschi troveranno convenienti anche i prodotti italiani, comprandoli.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni
ROInvesting
  • Licenza: CySEC
  • Sponsor A.C. Milan
  • Investi con Paypal
Formazione Trader Prova Gratis ROInvesting opinioni
Markets.com
  • Trading CFD con Marketsx
  • Metatrader 4 e 5;
  • Negoziazione di azioni con Marketsi
Ampia scelta di asset e piattaforme Prova Gratis Markets.com opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Ti potrebbero interessare