La fase finale: la crisi dei giorni nostri (parte 2)

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 27-03-2012 9:45
crisisE’ normale che la banca alla fine della giornata possa avere un eccesso di liquidità o un fabbisogno di liquidità. Se si trovasse nella situazione di fabbisogno, prima di rivolgersi alla banca centrale (situazione per la quale si opta quando non c’è nessun’altra alternativa), una banca ordinaria cerca la liquidità necessaria sul mercato interbancario, ossia attraverso operazioni di prestito tra banche. Queste operazioni possono anche avere brevissima durata ed hanno applicato il tasso di interesse interbancario a cui si aggiungono altri tipi di tassi, come quello dei mutui per esempio che in Europa è l’ Euribor.
E così quelle banche, che dopo il fallimento della Lehman disponevano di un’ingente liquidità, hanno preferito non andare sul mercato interbancario ad investire, ma depositare tali somme presso le banche centrali, prosciugando il mercato interbancario. Ma la cosa più importante, è che le poche operazioni tra banche avvenivano a tassi di interesse particolarmente elevati. Da qui l’intuizione: si viene a creare un passaggio di denaro in più; ossia, le banche centrali che ora dispongono di queste somme, diventano prestatrici nei confronti di quelle banche che non riuscivano a trovare il denaro sufficiente nel mercato interbancario, portando ad una moltiplicazione delle attività e delle passività della banca centrale. Nel frattempo la pericolosità della situazione si è presto manifestata nel mercato e conseguentemente la banca centrale, oltre a portare avanti queste operazioni, si è trovata costretta tagliare i tassi di interesse, fino a poco tempo fa’ molto prossimi allo zero. E con interventi come questo, le banche centrali cercano di salvaguardare la stabilità finanziaria nel mondo.
Ma ormai tutto è drammaticamente inarrestabile, in quanto i fenomeni dell’economia finanziaria si ripercuotono inesorabilmente sull’economia reale. I consumi delle famiglie diminuiscono, gli investimenti delle imprese seguono lo stesso iter con un logico aumento del volume nei magazzini ed una diminuzione della produzione. E questo disastroso scenario può solo portare in aggiunta un considerevole aumento della disoccupazione. E così nel 2009 la crisi ha fatto calare la produzione del 3% circa in Europa e dello 0,6% nel mondo. Ma nonostante la criticità della situazione, nessun Paese in questo periodo ha mai voluto prendersi la responsabilità di fare qualcosa per rilanciare tutto il sistema, ma perché?


Vai alla home per saperne di più sul Forex Trading online

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

No Comments so far

Jump into a conversation

No Comments Yet!

You can be the one to start a conversation.

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.