Produzione industriale Giappone – 13 settembre

Pubblicato da Luca M -
giappone_forexL’avvio della nuova settimana è stato all’insegna del ribasso per lo yen, nei confronti del dollaro e, ancora di più, dell’euro. Ma non basta certo nemmeno a sospettare che possa essere terminata la corsa della moneta nipponica, capace di aggiornare più volte i massimi nei giorni scorsi, giungendo a superare quelli da 15 anni nei confronti di quella americana.
Si tratta di un tema caldo a livello globale, ma il cui cerino è completamente in mano ai “padroni di casa”. In una fase nella quale ognuno guarda al proprio orto e nessuno appare particolarmente rigoglioso, dare un colpo d’aratro a quello dell’altro appare fuori discussione.
Così il Giappone si trova da solo ad affrontare la situazione. Il rallentamento dell’economia sarà affrontato con un pacchetto di incentivi da 915 miliardi di yen, per tentare di risollevare il mercato dei consumi interno, ma il timore è che, se lo yen rimarrà forte, le aziende potrebbero decentrare la produzione per ridurne gli effetti negativi. Rischierebbe di essere, a quel punto, vanificato l’effetto che il governo nipponico vorrebbe dare al suo intervento: creare posti di lavoro e capacità di spesa nei confini del Paese.
In questo quadro arriva domani la lettura finale relativa ai dati sulla produzione industriale di luglio. Il preliminare ha dato un incremento mensile dello 0,3%, molto migliore di quanto avevano preventivato gli analisti (-0,2%) e che ha fatto seguito al -1,1% che tanto allarme aveva generato il mese precedente.
Confermare almeno quel dato sarebbe un sollievo, vederlo corretto in meglio una speranza forse eccessiva, ma le controprove si aspettano nei mesi successivi. Quando gli effetti di questo sprint dello yen tra fine agosto e inizio settembre farà sentire tutti i suoi effetti.


Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.forexguida.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.