Ma cos’è il PIL? (approfondimento)

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 27-02-2012 13:37
pilIl deflatore del PIL

Il termine deflatore del PIL è un’operazione che consente di togliere la componente inflazionistica dal PIL Nominale, che come abbiamo visto prende in considerazione sia la variazione nei prezzi che nelle quantità. Tuttavia, per poter ricavare questo dato, cioè la componente inflazionistica, si dovrebbe essere in possesso di un altro importante dato, indice dei prezzi.

Def.: il deflatore del PIL coincide quindi con l’indice dei prezzi.

Quindi l’indice dei prezzi è un calcolo che viene effettuato per prendere in considerazione il prezzo di un bene al tempo T, con quello che aveva al tempo T-1 ( o T+1). La variazione percentuale del CPI (indice dei prezzi al consumo) misurerà quindi la dinamica inflazionistica.
Ma come ricavarci il CPI? Dovremmo molto semplicemente tenere in considerazione un paniere, ossia un insieme di beni e/o servizi rappresentativo dei consumi effettivi relativo ad un periodo di tempo specifico che è generalmente l’anno (che potrà essere genericamente indicato con T). Pertanto, esisteranno diversi panieri in quanto la dinamica inflazionista è un fenomeno che colpisce in maniera diversa i soggetti, i settori produttivi, le grandezze macroeconomiche, e altri. Conseguentemente, in base ai panieri di riferimento, otterremo risultati diversi; ad esempio in alcuni casi è possibile registrare un andamento negativo dell’inflazione (fenomeno che darà vita ad una curva gaussiana in termini grafici).
Calcolo della dinamica inflazionistica (indice di Laspeyres)

INFLAZIONE = (pt * p0) / (p0 * q0)

Dove pt , qt   ( con t = 0, 1, 2, 3,…) sono prezzi e quantità relativi al periodo corrente; mentre  p0,  q0 saranno prezzi e quantità di relativi al periodo di riferimento.
Esempio di calcolo della dinamica inflazionistica relativa al periodo 2000 – 2001:

INFLAZIONE = (prezzi 2001 * prezzi 2000) / (quantità 2000 * quantità 2000)

Come si può intuire, in definitiva il calcolo dell’inflazione sarà semplicemente dato da:

INFLAZIONE = prezzi 2001 / quantità 2000

Infine un altro importante concetto a cui si può fare riferimento è il tema del valore aggiunto. Questa è una grandezza che può essere calcolata a partire dalle aziende; ossia se decidessimo di sommare i valori aggiunti di tutte le aziende rappresentative di un Paese in un determinato periodo di tempo T, otterremo niente meno che il PIL: Cosa rappresenta quindi nel concreto il valore aggiunto? Intuitivamente rappresenta la misura del contributo produttivo vero di quell’impresa e questo coincide quindi col dire che il valore aggiunto di un’impresa è un pezzettino del PIL del Paese. Ne consegue che sarà quindi possibile disaggregare il PIL non solo per aree geografiche, ma che per settori di attività o altri parametri ancora.

A cura di: Daniele Bonini


Vai alla home per saperne di più sul Forex Trading online

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Lascia un commento

Non ci sono ancora commenti

Puoi essere il primo a iniziare la conversazione

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.