Conclusioni su CONTO ECONOMICO DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 12-03-2012 11:49
pilSulla base del conto economico delle risorse e degli impieghi illustrato nei precedenti articoli, concludiamo con alcune ultime riflessioni.
I consumi sono aumentati del 1,4%e gli investimenti del 1,5%; essi indicano, rispettivamente, i rincari sui prezzi dei beni di consumo che le famiglie hanno dovuto sostenere nel 2010 rispetto al 2009 ed i rincari dei beni di investimento che le imprese hanno dovuto sostenere sui macchinari e altro che hanno comprato nello stesso anno.
I prezzi del PIL sono invece aumentati dello 0,6%. Cosa significa questo? Il PIL da un lato è il risultato del processo produttivo in termini monetari (lavoro) e dall’altro è la somma sei redditi che vanno ai fattori produttivi (interessi, dividendi, ecc…). Dire quindi che l’indice dei prezzi del PIL ha registrato nel 2010 una crescita di 0,6 punti percentuali equivale a dire che in quell’anno mediamente i fattori produttivi, a parità di prestazione (a parità di prestazione perchè si sta parlando di una crescita di prezzi), hanno visto crescere i prezzi dello 0,6%. E siccome questi aumenti rispecchiano i prezzi dei fattori produttivi lavoro (le famiglie) e capitale (interessi, dividendi, ecc…), dire che i prezzi del PIL sono aumentati dello 0,6%, significa dire che, a parità di prestazioni, i redditi delle famiglie sono aumentati dello 0,6% nel 2010. Questo automaticamente implica che, se le famiglie hanno visto aumentare i propri redditi dello 0,6%, quando vanno ad acquistare i beni li pagano 1,5% in più nel 2010; quindi si sono ritrovate con un minore potere d’acquisto e di conseguenza più povere rispetto all’anno precedente. Da qui l’intuizione fondamentale: se crescono i prezzi dei beni di consumo e degli investimenti, questo significa che c’è un rincaro dei beni consumati e degli investimenti. Invece un aumento dei prezzi del PIL significa crescita dei prezzi dei fattori produttivi lavoro e capitale; e questo implica, a parità di prestazioni, che i compensi delle famiglie sono chiaramente aumentati. Ma se i compensi che sono andati alle famiglie sono cresciuti dello 0,6%, mentre i beni sono aumentati del 1,5%, si può affermare che il potere d’acquisto delle famiglie è chiaramente diminuito. Questo fa quindi “quadrare” tutto perché:

•    Le importazioni sono più care e l’Italia è più povera
•    Le famiglie italiane pur avendo visto crescere i loro redditi, quando vanno sul mercato trovano che i prezzi sono più elevati rispetto all’aumento dei redditi, quindi sono più povere

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Dal punto di vista aritmetico la cosa non ci deve stupire perché se c’è un forte squilibrio tra l’aumento delle importazioni e delle esportazioni e quindi le risorse sono maggiori degli impieghi, allora è chiaro che, per bilanciare, nelle altre voci gli impieghi devono essere maggiori delle risorse. Dunque troveremo che l’aumento dei prezzi del PIL è minore dell’aumento dei prezzi dei consumi e degli investimenti. Di conseguenza sarà verificata la seguente equazione per cui:

Impighi = Risorse

by Daniele Bonini


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Termini di ricerca:

  • Daniele Bonini CONTO ECONOMICO DELLE RISORSE E DEGLI IMPEGHI