Indice armonizzato prezzi al consumo Europa

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 13-07-2010 8:35
flag_euroSi conosceranno mercoledì 14 luglio i dettagli di uno dei dati che più ha sorpreso gli analisti nelle ultime settimane, quelli sull’indice armonizzato dei prezzi al consumo di giugno. Alla fine del mese passato è stato reso noto un imprevisto arretramento dell’aumento dei prezzi su base annua, dal +1,6 al +1,4 per cento. Su base mensile ciò dovrebbe convertirsi in un arretramento dei prezzi dello 0,1 per cento. Se si guarda, poi, all’inflazione “core”, quella priva di elementi volatili, l’aumento dei prezzi dovrebbe risultare ancora inferiore all’1% annuo.

Elementi che sono decisamente coerenti con la politica monetaria ribadita ancora dal board della Bce la scorsa settimana, che vede prolungarsi, probabilmente fino a gran parte dell’anno prossimo almeno, la disponibilità di denaro facile, con tassi fermi ormai da più di un anno all’1 per cento.

Non si sente nemmeno più parlare di quelle “exit strategy”, tanto in voga all’inizio dell’anno e al momento, per lo più, riposte in un cassetto per essere rimandate di qualche mese. In questo contesto, i guadagni messi a segno dall’euro nei confronti del dollaro nelle ultime due settimane difficilmente potranno andare molto al di là di quanto visto finora. Inoltre, in assenza di una decisa ripresa dei consumi che appare ancora di là da venire, proprio un nuovo indebolimento della moneta unica potrebbe essere il più immediato volano di una risalita dei prezzi, partendo dalla produzione.

Le importazioni di materie prime, idrocarburi in particolar modo, ma anche altri beni di cui c’è scarsa disponibilità in Europa, si riverserà inevitabilmente sui costi della produzione, anche se al consumo ciò arriverà con immediatezza soprattutto laddove ci sia una domanda molto poco elastica. La Bce, al momento, si accontenta di un’inflazione ampiamente al di sotto del target massimo, senza badare troppo a quanto questo si rifletta anche in una crescita economica decisamente debole e che non coinvolge in alcun modo una larga parte della popolazione.


Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.