Cicli di Borsa (parte 2/3)

Autore: seowebbs 28 dicembre 2010

trading_blog_2In un ciclo hanno rilievo i minimi e non i massimi; infatti, mentre lo spazio di tempo tra i minimi in linea generale si mantiene lo stesso per i massimi non avviene; dunque i minimi generano un gap costante nel tempo e la distanza temporale rimane invariata e calcolabile con buona approssimazione nella realtà dei diagrammi; la distanza temporale tra i massimi invece varia e dipende da dove il ciclo va a collocare il suo massimo.

 

E’ necessario visualizzare e rendersi conto dell’intervallo temporale , perché questo dà importanti suggerimenti al  contesto grafico che andiamo a tradare. Un eventuale indicatore è tarato sul tempo ricavato dai minimi dei cicli, costituendo uno strumento fondamentale per l’analisi delle transazioni.

 

Si tratta di cercare nel grafico la conformazione ciclica,  di adeguare l’indicatore per capire in quale parte del ciclo ci troviamo, per tradare a favore di trend. Sia in un ciclo rialzista, che ribassista, o laterale, la prima parte, ovvero l’inizio di un ciclo, a prescindere da come poi evolverà, sarà sempre rialzista.

 

P.s. Questo articolo è una personale sintesi tratta dal testo “Cicli e Forex” di Fabrizio Ferrero.

 

Fonti:

Titolo: Cicli e Forex
Autore: Fabrizio Ferrero

                                                                                                                               

Appuntamento a domani su forexguida.com

 

Vai alla home per saperne di più sul Forex Trading online

24Option Demo Prova il trading online gratis / 100% di Bonus!

Prova il Trading con i migliori broker Forex

Miglior broker Licenza broker Deposito minimo Il Bonus iniziale Iscriviti subito
LCG (London Capital Group) (FCA) n° registrazione: 182110 Conto Demo Gratuito fino a 5000$ Prova Ora
XTrade Consob 100€ 25€ Prova Ora
eToro Cysec/Consob 50€ 20$ COUPON Prova Ora

Lascia un commento