Pil Paesi europei – 11 Maggio 2010

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 11-05-2010 9:30
forex11Nemmeno l’accordo europeo per lo “scudo anticrisi” sembra aver messo del tutto in archivio le paure di un crollo dell’Eurozona e, di conseguenza, dell’euro. Le Borse hanno reagito violentemente alle debacle della scorsa settimana, ma non è avvenuto altrettanto nell’ambito del mercato valutario. La moneta unica, dopo esser scesa ampiamente al di sotto di 1,30 nei confronti del dollaro la scorsa settimana, si mantiene costantemente al di sotto di tale soglia e debole anche nei confronti di altre valute come lo yen.

Dopo i segnali di unità arrivati dal vertice europeo nel week end, il mercato ne attende altri dalla congiuntura, per potersi convincere che il Vecchio Continente possa trascinarsi stabilmente al di fuori del terreno della crisi, piuttosto che farvi ripiombare l’economia globale. A questo potrebbero servire i dati sul Pil del primo trimestre, attesi per mercoledì 12 sia a livello comunitario che da parte di alcuni stati membri. Per quanto concerne il dato sull’Unione, si tratta di una prima stima che, nel confronto anno su anno, dovrebbe mostrare una crescita dello 0,5% del Pil, contro il -2,2% precedente.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Più rilevante, però, è considerato il dato sull’economia guida dell’area, quella tedesca, che dovrebbe essere in crescita, sempre anno su anno, dell’1,2%, contro il -2,4% precedente. Confermare questa stima sarebbe già un indizio che la strada del recupero è stata intrapresa, batterla l’unico possibile segnale forte in questo momento, con l’auspicio che un contagio virtuoso possa prendere il sopravvento su quello pericoloso in diffusione da Atene.

Tra gli altri Paesi che riporteranno sul Prodotto interno lordo l’Italia, che dovrebbe crescere nel trimestre gennaio-marzo dello 0,3%, come l’Olanda e la Francia che è, però, messa meglio in prospettiva annualizzata. Resta negativa la Spagna, che anno su annuo dovrebbe cedere l’1,4 per cento.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTrade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Broker con più regolamentazioni
Copy trading
Segnali di Trading
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.