Agenda Settimanale 22 marzo 2010

Pubblicato da: Roberto Rossi - il: 22-03-2010 12:37
forex13Sul finire della scorsa settimana il dollaro è tornato a guadagnare più del terreno perso nelle sedute precedenti nei confronti dell’euro, spinto nuovamente all’indietro dalla mancanza di un accordo a livello comunitario sugli aiuti alla Grecia. Il biglietto verde ha mancato di sfruttare appieno l’occasione di accelerare a causa della determinazione ribadita dalla Fed di tenere ancora a lungo i tassi vicini allo zero.

La nuova settimana si apre senza grossi dati di rilievo e occorrerà attendere martedì per avere le prime indicazioni a livello macroeconomico che potranno sensibilmente influenzare l’andamento del Forex. A partire dalla Gran Bretagna, dove sono attesi i dati sui prezzi al consumo di febbraio. Su base annua è atteso un rallentamento dell’inflazione al 3,1% annuo dal 3,5% del mese precedente, su base mensile torna, invece, il segno più, con un incremento dello 0,5% dal -0,2% precedente. Ancora in rallentamento, anche se meno del mese precedente (quando è calato dell’1,6%) è previsto l’indice dei prezzi delle case americane, con una contrazione dell’1 per cento.

Mercoledì la pubblicazione dell’Ifo tedesco di marzo fornirà nuove indicazioni sull’andamento dell’economia guida d’Europa. Sia l’indice delle condizioni correnti (da 89,8 a 91) che quello “business climate” (da 95,2 a 95,6) sono previsti in progresso. In rallentamento rispetto a quello di gennaio, ma comunque in progresso, sono dati gli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti (+0,9% su base mensile), che dovrebbero migliorare anche al netto dei trasporti.

L’appuntamento clou di mercoledì e giovedì è con il summit europeo che potrebbe portare il tanto atteso accordo sulle iniziative in favore della Grecia. Un “sistema coordinato di prestiti bilaterali” è la soluzione proposta dal presidente della commissione europea, José Manuel Barroso. Se anche da questo appuntamento non dovessero scaturire misure concrete, è probabile che l’euro sia destinato a perdere ulteriormente posizioni nei confronti delle altre principali valute.

Tra gli altri dati degli ultimi due giorni della settimana, spiccano le vendite al dettaglio di febbraio  in Gran Bretagna (giovedì), il Pil 2009 finale negli Stati Uniti e i prezzi al consumo giapponesi (entrambi venerdì). Nell’area di Tokyo si prospetta una contrazione annua dell’1,7 per cento.

Vai alla home per saperne di più sul Forex Trading online

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

No Comments so far

Jump into a conversation

No Comments Yet!

You can be the one to start a conversation.

I tuoi dati sono al sicuro!Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato e i tuoi dati non saranno condivisi con terze persone.